Formula 1Interviste F1

F1 | È una Formula 1 sempre più sostenibile: i numeri dell’Impact Report 2023

Formula 1 ha rilasciato il suo primo Impact Report, un ovvero un documento di 63 pagine contenente i dati sull’impronta di carbonio relativi alla stagione 2022

Procede a passo spedito il progetto Net Zero 2030, con la Formula 1 ha rilasciato oggi il suo primo Impact Report, un ovvero un documento di 63 pagine contenente i dati sull’impronta di carbonio relativi alla stagione 2022.

Formula 1 Net Zero
Formula 1 ha rilasciato il suo primo Impact Report © F1

La Formula 1 si avvicina al Net Zero

Si tratta di un report estremamente importante, che sottolinea ancora una volta gli enormi sforzi compiuti dalla classe regina nel continuare a essere allineata con gli standard e gli obiettivi fissati nella strategia di sostenibilità lanciata nel 2019, che prevede una riduzione delle emissioni di carbonio di almeno il 50% rispetto al 2018, ispirare cambiamenti positivi e costruire uno sport ”più diversificato ed inclusivo”.

I numeri evidenziano già progressi importanti, con una riduzione della carbon footprint del 13% negli ultimi cinque anni, con la Formula 1 che intende concentrarsi in particolar modo sul settore della logistica, che rappresenta ancora oggi uno dei fattori maggiormente inquinanti, per colmare il restante 37%.

Anche le categorie minori hanno offerto un contributo importante, con le vetture di F2 e F3 che hanno sperimentato carburanti sostenibili al 55% grazie alla partnership con Aramco, in attesa di vedere le vetture di Formula 2026, che utilizzeranno carburanti al 100% eco-sostenibili.


Leggi anche: F1 | Dal Giappone: un acquirente speciale interessato a rilevare Racing Bulls?


Sempre secondo il report, una nuova flotta di camion DHL, alimentati a biocarburante, ha contribuito inoltre a ridurre le emissioni legate alla logistica con una media dell’83% durante le nove tappe della stagione europea. 

Inoltre, oltre il 75% dei promotori ha utilizzato fonti di energia rinnovabile nei rispettivi Gran Premi, registrando un 25% in più rispetto all’annata precedente. 

La Formula 1 non rivolge lo sguardo solamente alla sostenibilità ambientale ma anche all’inclusività e alla diversità. Il lancio della F1 Academy, ovvero la prima categoria interamente femminile supportata dalle 10 squadre di Formula 1, e la F1 Academy Discover Your Drive, un’iniziativa globale per aumentare la mole di talenti che entrano nel motorsport, rappresentano un ulteriore passo verso tale direzione.

Le parole di Stefano Domenicali

”La sostenibilità è uno dei fattori più importanti per noi, non solo come sport, ma anche come azienda. Non è più sufficiente limitarsi a offrire grandi azioni e corse ruota a ruota in pista, ma dobbiamo assicurarci di farlo in modo sostenibile, affinché il nostro sport possa prosperare a lungo nel futuro”.

”La F1 innova e influenza la società in generale da oltre 70 anni, e abbiamo visto come le grandi menti e la tecnologia di questo sport abbiano avuto un impatto positivo in molti ambiti diversi”.

“Siamo uno sport globale con oltre 700 milioni di fan in tutto il mondo, il che ci offre una grande piattaforma per creare un cambiamento e influenzare coloro che guardano e si impegnano nella F1 ad agire e a lasciare la propria eredità positiva”.

“Negli ultimi quattro anni abbiamo compiuto progressi significativi, e rimaniamo molto concentrati sui nostri obiettivi. Sono entusiasta di vedere l’impatto che possiamo avere”.

Il report completo può essere scaricato al seguente link.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter