Formula 1Interviste F1

F1 | Horner esortato a rassegnare immediatamente le dimissioni

Ralf Schumacher ha esortato Christian Horner, per il suo bene e quello di Red Bull a rassegnare le dimissioni immediatamente

Dopo Jos Verstappen, Ralf Schumacher è la seconda nota personalità del paddock a schierarsi apertamente contro Christian Horner, reo secondo lui, di star recitando solamente il ruolo della vittima nel caso che lo vede protagonista da ormai un mese e mezzo. L’ex pilota tedesco ha infatti esortato il team principal della scuderia di Milton Kyenes, per il suo bene e quello di Red Bull, a rassegnare le dimissioni immediatamente e mettere un punto alla vicenda.

Ralf Schumacher Horner dimissioni
Ralf Schumacher ha esortato Christian Horner a rassegnare le dimissioni @Formula1_Daily via X

“Per me la questione è diventata problematica quando si è rappresentato come una vittima in conferenza stampa in Arabia Saudita”, ha dichiarato Schumacher a SPORT1.

“Mi dispiace per la sua famiglia, ma c’è stata solo una persona che ha iniziato tutta questa storia: lui. Credo che non si possa più negare che lui e la sua assistente personale siano diventati molto amici. Non posso accettare che continui a dire che non vuole parlarne nei dettagli”.

Nel corso delle settmane, Horner ha sempre negato le indiscrezioni riportate dai giornali, dichiarandosi assolutamente estraneo ai fatti e alla stessa indagine aperta da Red Bull nei suoi confronti. È chiaro però che questo continuo alzare un muro non abbia fatto e non faccia piacere agli addetti ai lavori, che gradirebbero maggiore trasparenza su quanto accaduto. 

“Posso dire per esperienza personale quando si tratta del mio divorzio: aall’inizio è difficile quando una questione così privata viene portata avanti in pubblico”, ha aggiunto il tedesco. ”Ariva però un momento in cui bisogna parlarne perché alla fine è la cosa migliore per tutte le parti. Per esempio, non si sente parlare della dipendente di Horner e questo non è un bene. Nessuno parla di lei”.


Leggi anche: F1 | Telenovela Red Bull, ora spunta anche la “spia thailandese”


“Una cosa è certa: fino a quando questo caos rimarrà, farà un danno immenso alla Red Bull. Horner ha detto che nessuno è più importante della squadra. Pertanto, dovrebbe seguire questo comando e dimettersi il prima possibile”.

Oltre alla poca trasparenza, Schumacher si è detto infine infastidito dal fatto che lo scandalo stia finendo per oscurare la vera azione in pista: “Quello che ho riscontrato e che continuo a pensare è una vergogna: il caso Christian Horner mette in ombra tutto. Questo è diventato particolarmente chiaro nel primo weekend in Bahrain. Solo il giorno della gara si è parlato un po’ di questo sport”.

“Inoltre, ciò che mi preoccupa dell’intera vicenda è che una valutazione obiettiva è estremamente difficile perché c’è una totale mancanza di trasparenza. Tutto dovrebbe essere risolto il più rapidamente possibile. Non farebbe male a nessuno se se ne andasse. Sarebbe importante per il marchio Red Bull”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter