Formula 1Interviste F1

F1 | Arnoux loda l’impresa Ferrari a Melbourne, e demolisce Perez

Renè Arnoux ha commentato la splendida vittoria di Carlos Sainz a Melbourne, lodando anche una Ferrari che sembra avvicinarsi sempre di più a Red Bull

Nonostante la schiacciante vittoria in Australia, è ovviamente troppo presto e decisamente irrealistico pensare ad una Ferrari capace di impensierire Red Bull per le restanti 21 gare in calendario.

Tuttavia, la performance dell’Albert Park rappresenta un ulteriore tassello di come il team di Maranello stia continuando a remare nella giusta direzione, e la tappa di Suzuka, in programma tra una settimana, sarà un ulteriore banco prova per testare la crescita della SF24 su un circuito estremamente selettivo come quello giapponese.

Arnoux Ferrari Sainz Melbourne
Renè Arnoux ha commentato la splendida vittoria di Carlos Sainz a Melbourne © DPPI

Intervistato dalla Gazzetta dello Sport, anche Renè Arnoux ha sottolineato la splendida prova della rossa a Melbourne, lodando anche una Ferrari che sembra avvicinarsi sempre di più a Red Bull: “Le rosse hanno fatto una gran bella gara. Sainz è stato davvero perfetto per come e quanto ha saputo essere decisivo”.

”In generale, la macchina è stata competitiva sia in qualifica che in gara. Certo, è mancato Verstappen per un problema tecnico, ma la Ferrari è stata brava ad essere lì. Ha sfruttato il weekend in modo eccellente. Del resto, già dal primo GP avevamo capito che la macchina fosse molto meglio di quella del 2023”.

Parlando invece del gap tra il cavallino e la scuderia di Milton Keynes, il francese ha commentato: ”È molto più vicina alla Red Bull, in Australia ne abbiamo avuto piena conferma. Non ancora proprio al livello della Red Bull, ma quasi. È vero anche che la Red Bull ha una sola macchina che sta davanti. Perez è un numero 2, certe volte 3. Spesso scompare”.


Leggi anche: F1 | Come verrà raccontato il caso Horner in Drive To Survive 7: parla il produttore della serie


La critica a Perez offre un importante spunto di riflessione in ottica titolo costruttori. Se puntare al titolo piloti, con un Max Verstappen in tale stato di grazia, risulta un’impresa alquanto complicata, Frederic Vasseur ha invece messo il mirino sui costruttori, con Ferrari staccata di 4 lunghezze dalla vetta dopo tre Gran Premi.

Dovesse Perez sprofondare ancora una volta nelle difficoltà incontrate specialmente nella seconda metà della passata stagione, ecco che la consistenza di Leclerc e Sainz a livello di piazzamenti potrebbe rivelarsi decisiva a fine stagione, perlomeno per riportare uno dei due titoli a Maranello.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter