A TCFormula 1News Formula 1Risultati F1

F1 – Risultati GP AUSTRIA – Penalità e colpi di scena: gli highlights

Gli highlights e i risultati del GP d’Austria di F1: colpi di scena a Spielberg, harakiri Norris-Verstappen, quante penalità!

Harakiri di Norris e Verstappen e penalità a fiocchi: alla fine trionfa Russell davanti a Piastri e Russell. Ecco gli highlights e i risultati del GP d’Austria di F1.

f1 austria gp gara risultati ferrari sintesi cosa è successo spielberg podio classifica
Foto: F1inGenerale.com – Risultati e Highlights GP Austria F1

Sommario

  • Partenza e primi giri: l’incidente di Leclerc
  • Valzer pitstop: taglio Hamilton e unsafe release di Verstappen
  • Fase centrale: Verstappen graziato
  • Ultimo stint: lotta e harakiri Norris-Verstappen

 

Partenza e primi giri

La gara austriaca si apre con un rischio pioggia minimo, attestato sul 10%. Le temperature sono simili a quelle viste in qualifica, l’aria è sui 29°C, l’asfalto si aggira intorno ai 46°C. Anche il vento si candida ad essere un fattore importante. L’intera griglia di partenza, eccezion fatta per Guanyu Zhou su hard dalla pit-lane, sceglie per il primo stint un set di gomma media. Tutti su pneumatico nuovo, solo le due Aston Martin montano un treno di coperture già usate.

Allo spegnimento dei semafori lo scatto di Verstappen è perfetto. Qualche indugio per Norris, attaccato da Russell, mentre Hamilton passa Sainz fuori dai limiti della pista e replica su Russell, che tuttavia si riprende la P3 pochi metri dopo. Il #44 verrà invitato pochi giri dopo a riconsegnare la posizione a Sainz.

Leclerc ha un contatto in curva 1 e viene immediatamente chiamato ai box dalla squadra per una sosta anticipata. Il monegasco ha subito un danno ed è costretto a cambiare l’ala anteriore, oltre che a montare le hard anzitempo. Di seguito la classifica al terzo giro.

Hamilton lascia passare Sainz, che sale in quarta piazza. Piastri, dopo un sorpasso aggressivo di Perez, riesce a riprendersi la P6 ai danni del messicano. Siamo nel corso dell’ottavo giro.

Dopo dieci giri Verstappen ha accumulato già un vantaggio di 4.3 secondi su Norris, mentre iniziano le prime soste dei piloti nelle retrovie.

Primi pit-stop (giri 11-28)

Le prime soste arrivano alle porte dell’undicesimo giro. Nelle ultime posizioni Leclerc – su gomma hard – tenta di ricostruire la propria corsa. Mentre le due Haas lottano fuori dalla zona punti, Verstappen prosegue la propria marcia, aumentando il gap sugli inseguitori a 6 secondi.

Al sedicesimo giro è il momento dell’ennesima sosta per Leclerc, che da gomma hard torna su compound medium. Alle porte della zona punti Ricciardo passa Zhou, che viene tamponato da un irruento Alonso, penalizzato di 10 secondi.

Foto: F1 – Norris insegue Verstappen: questa la classifica dopo 20 giri

Le soste dei big arrivano al giro 21Hamilton imbocca la corsia box per montare gomma dura, ma taglia la corsia e viene sanzionato con 5 secondi. Sainz e Russell rientrano il giro successivo. Al termine del ventitreesimo giro è il turno di Verstappen e Norris. Uscendo dalla piazzola sosta Max intralcia Norris e commette unsafe release.

  • PENALITA’ HAMILTON – 5 secondi per aver tagliato la pit-entry.
Foto: F1 – L’unsafe release segnalato da Norris

Fase centrale (giri 29-50)

Nelle fasi centrali della corsa le bagarre si concentrano nella zona fuori dai punti, mentre i commissari analizzano il segnalato unsafe release di Verstappen. L’esito dell’investigazione sorride alla Red Bull: no further action.

  • PEREZ PENALITA’ – 5 secondi per eccesso di velocità in pit-lane
  • ALBON PENALITA’ – 5 secondi per aver tagliato la pit-entry
Foto: F1 – Classifica dopo 34 giri

Leclerc è protagonista di due pit-stop ravvicinati, nel momento in cui la lotta si concentra tra le Alpine ai margini della zona punti. Consuete storie tese tra Ocon e Gasly.

Al giro 40 la McLaren di Norris è la vettura più veloce in pista, guadagnando 3 decimi a giri su Verstappen. L’olandese, a parità di gomma con Lando, lamenta in radio la scarsa confidenza sul set di hard. Le difficoltà di Max sono lampanti e l’inglese si avvicina.

Poco prima del cinquantesimo giro è il turno dell’ultima sosta, prima per Russell, poi per Sainz, mentre Piastri passa Hamilton.

Ultimo stint (giri 51-71)

Atipica la situazione al giro 51: lotta tra doppiati, Gasly attacca Leclerc, bloccato da Norris in P2. Nel medesimo giro tornano ai box Verstappen e Piastri: Max ha una sosta molto lenta in 6.5 secondi ed il divario su Norris si assottiglia sensibilmente.

Il giro 54 inizia con Norris alle porte della zona DRS su una Red Bull autrice di un vistoso bloccaggio. Guadagnato il DRS nel settore centrale, l’inglese attacca un Verstappen in difficoltà. La difesa di Max è arcigna e Lando non la prende molto bene.

Foto: F1

Sono fasi concitate: Norris si lamenta insistentemente con il muretto e deve stare attento ai track limits. Verstappen avvisa il team di avere un feeling pessimo con la propria vettura. Il gap è minimo.


Leggi anche: F1 | Classifica piloti e costruttori aggiornata dopo il GP dell’Austria 2024


Al giro 59 Norris si attacca ai freni in salita a curva 3. La staccata è violenta, fumano le gomme della McLaren, che va lunga in uscita e deve lasciar passare la Red Bull. Il britannico lamenta: “Si muove in frenata!”

Nel giro 61 Norris cambia tattica, prende l’esterno in curva 3 e prova a passare in trazione. Max si difende nella staccata successiva e mantiene la P1 su Lando, che intanto viene investigato per track limits.

L’accesa battaglia prosegue nel giro numero 63: Lando attacca in curva 3, Max si difende all’esterno della curva e tiene la leadership. Poi è COLPO DI SCENA: in curva 3 avviene il contatto tra i due: foratura per entrambi!

Rientrano ai box i due, Norris è ko. Russell sale in vetta davanti a Sainz, che viene però sorpassato da Piastri poco dopo. I commissari scelgono la VIRTUAL SAFETY CAR per rimuovere i detriti.

  • NORRIS – Penalità di 5 secondi per track limits
  • VERSTAPPEN – Penalità di 10 secondi per aver causato la collisione con Norris

Gli ultimi 5 giri si aprono con Russell primo, Piastri secondo, terzo Sainz. Verstappen è riuscito a tornare in pista quinto. Le ultime fasi sono una marcia trionfale per George Russell che trionfa alla bandiera a scacchi! Sul podio anche Piastri e Sainz. Leclerc conclude undicesimo.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.