A TCFormula 1

F1 | Mercedes: brutte notizie per la Power Unit di Russell esplosa a Melbourne

Secondo le ultime indiscrezioni, la Power Unit della Mercedes di George Russell esplosa nel gran premio di Melbourne a causa di un detrito finito in uno dei cilindri non sarebbe più recuperabile.

Lo scorso gran premio in Australia si è trasformato ben presto da sogno a triste realtà per il giovane inglese della scuderia di Brackley. Dopo aver guidato da leader nei primi giri, il numero 63 aveva perso la testa della corsa dopo il pitstop, per poi ritirarsi definitivamente per un problema al motore. Secondo le ultime indiscrezioni, la Power Unit della Mercedes di Russell esplosa nel gran premio di Melbourne a causa di un detrito finito in uno dei cilindri non sarebbe più recuperabile.

Power Unit Russell Melbourne
Non recuperabile la Power Unit Mercedes di Russell esplosa a Melbourne © PlanetF1

Mercedes: non recuperabile la Power Unit di Russell esplosa a Melbourne

“Mercedes ha scoperto la causa del danno al motore”, riporta Auto Motor und Sport. “Un pezzo di detrito nel cilindro ha causato un incendio. I tecnici non possono più salvare il sei cilindri turbo”. Oltre il danno anche la beffa, quindi, per il pilota Mercedes, che adesso dovrà fare molta attenzione a future penalità nel corso della stagione.

Sempre secondo la testa tedesca: “Una parte estranea si è intromessa nel processo di combustione, causando un calo delle prestazioni e il relativo guasto. Il responsabile è stato un frammento. Il motore ha ingerito il detrito in un cilindro, provocando il cedimento”.

A causare il ritiro di Russell ci ha pensato dunque un frammento di un detrito, il quale sarebbe entrato all’interno di uno dei 6 cilindri della power unit, provocando così il malfunzionamento di quest’ultima.

”I detriti provengono da un componente che non fa parte dell’area sigillata del motore. I tecnici hanno dichiarato che il motore a combustione e gli elementi associati, come il turbocompressore e l’MGU-H, sono andati persi. Si sta ancora valutando se altri componenti, come la batteria o l’elettronica di potenza, possano essere salvati”.


Leggi anche: F1 | Perchè Alonso lasciò McLaren nel 2007? Lo spagnolo svela il reale motivo dell’addio


Russell dovrà quindi ora proseguire per le rimanenti gare della stagione con soltanto due unità disponibili, per evitare di incappare in posizioni di penalità in griglia. Tuttavia, con 20 gare ancora da disputarsi, sembra molto difficile che la W14 del britannico possa arrivare a fine mondiale senza ricevere alcuna penalità.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter