Formula 1Interviste F1

F1 | Sargeant spedito in panchina a Melbourne: tutta la delusione dello statunitense

Williams ha deciso di affidare la macchina di Logan Sargeant ad Alexander Albon per il prosieguo del weekend di Melbourne, con l’americano che si è detto molto deluso per la scelta presa

Con una decisione destinata a far parecchio discutere, Williams ha deciso di affidare la macchina di Logan Sargeant ad Alexander Albon per il prosieguo del weekend di Melbourne, con il thailandese che è finito a muro durante le FP1, non prendendo parte nemmeno alle FP2. Non avendo a disposizione un telaio di ricambio, la scuderia inglese ha preso così la sofferta decisione di relegare in panchina il suo secondo pilota, il quale si è detto amareggiato per la scelta presa.

Sargeant Williams Melbourne
Sargeant spedito in panchina a Melbourne: tutta la delusione del pilota Williams © RacingNews365

Disastro Williams a Melbourne

”Questo è il momento più difficile che ricordi nella mia carriera, e non è assolutamente facile”, ha esordito il pilota statunitense senza troppi giri di parole.

Nonostante la grossa delusione, però, Logan ha deciso comunque di mettersi al servizio della squadra con un gesto di grande sportività: ”Sono qui per la squadra. Continuerò a dare il mio contributo in ogni modo possibile in questo fine settimana per massimizzare i risultati che possiamo ottenere”.

Sargeant si era reso anche reso protagonista di due ottime prime due sessioni tutto sommato, concludendo il primo turno in quattordicesima posizione, ed in tredicesima nel secondo.

Evidentemente, però, Williams ritiene troppo importante la possibilità di andare a punti per il mondiale costruttori, ed è chiaro come Albon possa fornire maggiori garanzie in merito.


Leggi anche: F1 | Che Ferrari in Australia: Sainz crede nella pole nonostante la forma fisica


Sul bizzarro episodio si è espresso anche il thailandese, colui che, nonostante il danno, continuerà a rappresentare i colori Williams in questo weekend, a discapito dell’incolpevole compagno di squadra: ”Devo essere del tutto onesto e dire che nessun pilota vorrebbe abbandonare il proprio posto”.

”Non vorrei mai che accadesse una cosa del genere. Logan è sempre stato un professionista esemplare e un team player fin dal primo giorno. Questo non sarà facile da accettare per lui”.

”A questo punto, però, non posso soffermarmi sulla situazione. Il mio unico compito è quello di massimizzare il nostro potenziale questo fine settimana e di lavorare con tutta la squadra per assicurarci di fare il miglior lavoro possibile”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter