F2 | GP Italia – Feature Race: Piastri vince. Straordinaria gara di Ticktum

Piastri vince la Feature Race di F2 del GP d’Italia e allunga, non troppo, nel campionato con il suo rivale Zhou 2°. Straordinaria prestazione di Ticktum che riesce a conquistare il gradino più basso del podio in una gara funestata da tanti ritiri. F2 Feature Race Italia

Primi 10 giri

I piloti si posizionano sulla griglia di partenza, stabilita, in questa feature race di F2 del GP d’Italia, dalla qualifica. Nella sessione di qualifica il più veloce è stato Oscar Piastri grazie al suo 1:32.199. Ad accompagnarlo in prima fila c’è il vincitore di gara 2 Jehan Daruvala. Questi i primi 20 in griglia di partenza: F2 Feature Race Italia

G1. Allo spegnimento dei semafori Daruvala non riesce a ripetere lo spunto di ieri e perde 2 posizioni. Ne approfittano Zhou, che adesso è all’inseguimento di Piastri, e Lawson. Nelle retrovie, giungendo alla Lesmo 2, Samaia perde il controllo della vettura e si pianta in piena traiettoria.

Credit: F2.com

G2. Dopo i primi secondi in regime di VSC, la Safety Car fa il suo primo ingresso in questa gara.

G3, G4. Safety Car. 

G5. Bandiera verde, si riparte. Piastri leader detta il passo ma Zhou è molto vicino e tenta il sorpasso, ma senza successo. Alle loro spalle Drugovich attacca Daruvala e conquista la 4a posizione. Si arriva alla Roggia e Lawson affianca all’esterno Zhou: il pilota Hitech riesce a prendersi la 2a posizione con un sorpasso fantastico.

Credit: F2.com

G7. Giro veloce per Daruvala, mentre Boschung è il primo pilota a rientrare in pit-lane per effettuare la sosta.

G8. Problemi per Boschung, il quale sta avendo una lenta foratura. Nel mentre Juri Vips “parcheggia” la sua Hitech per problemi tecnici, provocando una seconda Safety Car.

G9. Tanti piloti ne approfittano per rientrare ai box: Lawson con questa sosta, però, ha perso la posizione sia su Zhou che su Daruvala.

G10. Adesso davanti ci sono Ticktum, Sato, Lundgaard, Armstrong, Deledda, i quali non hanno fatto la sosta. Tuttavia, Sato è costretto al ritiro anch’esso per problemi tecnici.


Leggi la sintesi di gara 1, che ha visto la vittoria di Theo Pourchaire!


G11-20

G11. Safety che rientra, si riparte. Subito grande lotta tra Daruvala e Zhou con i due che si cambiano ripetutamente le posizioni. Alle loro spalle Pourchaire trova il sorpasso ai danni di Lawson.

G12. Piastri attacca, e sorpassa, Deledda per la 4a posizione. Dietro di lui Daruvala e Zhou continuano a battagliare e a regalare spettacolo: al momento è il cinese a stare davanti, dopo una lotta intensa con diverse sportellate.

Credit: F2.com

 

G13. Deledda vede sfilare anche l’UNI Virtuosi di Zhou, mentre lì davanti Piastri sorpassa anche Armstrong.

G14. Fittipaldi all’attacco di Deledda alla Prima Variante: i due finiscono al contatto con l’italiano che ha la peggio. Zhou si prende la 4a posizione ai danni di Armstrong.

G15. Piastri sale in 2a posizione dopo aver sorpassato anche Lundgaard, il quale riesce comunque a tenere un buon passo. Buon passo che, invece, non ha Armstrong che ha visto sfilare diverse vetture.

Dopo metà gara la TOP10 è la seguente: Ticktum (senza sosta), Piastri, Lundgaard (senza sosta), Zhou, Daruvala, Pourchaire, Lawson, Armstrong (senza sosta), Fittipaldi, Shwartzman.

G16. Zhou è di nuovo all’inseguimento del rivale Piastri, dopo aver conquistato la 3a posizione.

G19. Errore di Daruvala che finisce lungo alla Prima Variante. Ne approfittano Lundgaard, per riprendersi la 4a posizione, e Pourchaire, per avvicinarsi nuovamente al pilota indiano.


Leggi la sintesi di gara 2 in cui c’è stato il trionfo di Jehan Daruvala!


Ultimi 9 giri

G22. Dopo 22 giri rientra Lundgaard. Nel mentre si ritira anche Lawson, il quale ferma la sua vettura sul rettilineo principale. Safety Car!

Credit: F2.com

G23. Fattore che aiuta Ticktum, che è riuscito a rimanere in testa senza la sosta e ora può rientrare. Torna in pista in 11a posizione.

G24. Bandiera verde, Piastri arriva alla Prima Variante e blocca le anteriori, finendo dunque lungo. Prova ad approfittarne Zhou alla Roggia, ma l’australiano difende la leadership. Ottima ripartenza di Shwartzman che ha guadagnato diverse posizioni e si è portato in 5a posizione. Ticktum inizia la sua rimonta e dopo 4 curve è già 7°, nonostante un leggero tamponamento che ha fatto presagire una foratura.

G27. Ticktum sorpassa prima Nissany e Shwartzman poi, per salire in quinta posizione. Infine, alla Curva Alboreto, l’inglese sorpassa anche Daruvala per la 4a posizione.

G29. Al penultimo giro Ticktum scavalca Pourchaire per il gradino più basso del podio. Nelle retrovie c’è un contatto tra Beckmann e Viscaal con i due che sono costretti al ritiro. Ancora Safety Car, e probabilmente questo congela la classifica fino al traguardo.

Credit: F2.com

G30. Ultimo giro che avviene in regime di Safety Car.

Bandiera a scacchi. Piastri vince la Feature Race di F2 del GP d’Italia. Zhou alle sue spalle e 3° un contento, ma non troppo, Ticktum, autore di una gara straordinaria. Questi i primi 15 piloti: F2 Feature Race Italia

 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Michele Guacci

Classe 2003, studente ed appassionato di F1 sin dall'infanzia.