F2 | GP Silverstone – Feature Race: Guanyu Zhou torna alla vittoria. Ticktum e Piastri completano il podio

Guanyu Zhou vince la Feature Race del GP di Silverstone; il pilota cinese torna al successo dopo 4 gare senza punti. Secondo posto per Ticktum. Rush finale per la terza posizione tra Piastri e Verschoor, con il pilota della Prema che riesce a conquistare il podio. Feature Race GP Silverstone

Dopo la giornata di sabato in cui si sono tenute le prime due gare del weekend, oggi ci sarà la Feature Race del GP di Silverstone. 29 giri in cui i piloti daranno il massimo per guadagnare quanti più punti possibili per la classifica. La griglia di partenza di oggi è stabilita dai risultati delle qualifiche. Sarà dunque Oscar Piastri a partire dalla pole position; a completare la prima fila c’è un deludente, fin qui, Guanyu Zhou.  Questo l’ordine di partenza:

Credits: F2.com

 

Primi 15 giri

G1. Deledda non si posiziona sulla griglia di partenza ma partirà dalla pit lane. Allo spegnimento dei semafori Guanyu Zhou parte meglio di Piastri e si prende la prima posizione già alla prima curva. Grande lotta per la terza posizione tra Verschoor e Ticktum: Il pilota Carlin riesce a passare e salire quindi in terza posizione. Dietro di loro Shwartzman fa un sorpasso capolavoro ai danni di Drugovich. Il russo è riuscito a passarlo all’esterno della Copse (curva 9). Partenza disastrosa per Theo Pouchaire che, dalla quinta piazza, è sceso in decima.

G3. Giro veloce per il leader della gara Guanyu Zhou. Ottimo lavoro del pilota cinese il quale è riuscito a staccare Piastri di oltre un secondo, impedendogli dunque di utilizzare il DRS.

G4. Dopo l’ottima partenza, Shwartzman vede i piloti davanti a se andare via. Il russo si apre in radio con l’ingegnere riferendogli che entrerà ai box non appena sarà possibile.

G6. I primi 4 vanno via agilmente. Alle loro spalle Shwartzman sta faticando tantissimo ed è già staccato di oltre 3 secondi dal gruppo di testa.

G7. Ticktum, Shwartzman, Lawson, Armstrong, Beckmann e Boshung rientrano ai box. Sono i primi piloti a cambiare la mescola delle gomme.

G8. Continua a spingere Guanyu Zhou. Dietro di lui Piastri mette la freccia a destra e va ai box insieme a Drugovich. Il pilota della Prema esce appena davanti a Ticktum che però, con gomme più calde, riesce a passare la vettura #2. Intanto problemi per Lundgaard in pit lane: i meccanici fissano male la posteriore sinistra e infatti, subito dopo la ripartenza, la ruota si stacca.

Credits: F2.com

G9. Rientra il leader della gara Zhou. Il pilota UNI Virtuosi esce tranquillamente davanti a coloro che avevano effettuato la sosta.

G11. 10 secondi di stop-go per Lundgaard per unsafe-release; gara completamente compromessa per il pilota danese. Piastri effettua il giro più veloce della gara.

G12. Si ferma Veschoor; Il pilota della MP Motorsport rientra in 10a posizione, davanti a Shwartzman.

G13. Ticktum e Piastri all’attacco di Sato che occupa la 7a posizione. Entrambi riescono a passarlo nel giro di 2 curve, approfittando del fatto che il pilota giapponese non ha effettuato la sosta.

G15. Dopo metà gara la top10 è la seguente: Vips, Zendeli, Daruvala, Viscaal, Zhou, Nannini, Ticktum, Piastri, Verschoor, Sato. I primi 4 non si sono ancora fermati, così come Nannini e Sato.


Leggi anche: F1 | La FIA fa un passo indietro: rivista la direttiva sui pit stop


Ultimi 14 giri

G16. Rientra Viscaal che occupava la 4a posizione. Il pilota della Trident rientra in 17a posizione. Nel frattempo Ticktum è riuscito a passare Nannini, a differenza di Piastri che non è riuscito dopo a trovare lo spazio per infilarsi.

G17. Con l’ingresso di Sato ai box, il quale è poi rientrato in 20a posizione, solo i primi 3 piloti non hanno effettuato la sosta. Vips, Zendeli e Daruvala hanno optato per una gomma più dura alla partenza del GP.

G18. Rientra Juri Vips, lasciando così la leadership a Zendeli.

G21. Piastri non riesce a sorpassare Nannini: adesso il pilota della Prema vede costantemente negli specchietti l’MP di Verschoor. Intanto è rientrato anche Zendeli, il quale era in testa alla gara.

G23. Giro veloce per Juri Vips che sta volando. Il pilota estone tenta la rimonta dopo esser uscito dai box in 10a posizione. Zendeli non riesce a mantenere lo stesso ritmo.

G24. Mentre Drugovich si fa ingombrante negli specchietti di Shwartzman per la 6a posizione, è rientrato ai box Daruvala. Guanyu Zhou torna dunque in testa alla gara.

G25. Dopo essergli stato negli scarichi per tantissimi giri, Piastri riesce finalmente a sorpassare Nannini all’Hangar Straight. Il pilota italiano rientra ai box. Con la sosta di Nannini, tutti i piloti hanno effettuato la sosta. Vips riesce a passare Pourchaire per la 7a posizione.

G26. Nelle retrovie va in testacoda Nissany. L’israeliano perde la sua vettura all’ingresso dell’Hangar Straight mentre era in 13a posizione. Ora è scalato in 16a.

Credits: F2.com

G28. Verschoor è attaccato allo scarico della Prema di Piastri. Lotta fantastica tra i due per il podio, con Piastri che difende con i denti questa 3a posizione.

G29. Ultimo giro per Zhou che ha un vantaggio di 4 secondi su Ticktum, mentre si infiamma la lotta per il podio

Bandiera a scacchi. Vince Zhou che torna alla vittoria dopo 4 gare consecutive senza punti. Secondo Ticktum. Rush finale per la terza posizione tra Piastri e Verschoor: il pilota della Prema riesce a difendersi e a conquistare il podio grazie ad una difesa fantastica. Questa la top15 della classifica finale:

 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Michele Guacci

Un classe 2003 appassionato di F1 sin da piccolo e cresciuto con il duello Alonso-Vettel.