Formula 2

F2 | Le prime impressioni dei piloti sulla vettura 2024, Martins: “È simile alla precedente”

Dopo lo shakedown sul tracciato di Barcellona, andiamo ad analizzare il parere di Victor Martins sulla nuova vettura F2 2024.

L’alfiere ART GP Victor Martins, che nel 2024 sarà al via della sua seconda stagione in F2, ha condiviso le sue prime impressioni sulla nuova vettura.

F2 2024 Martins
Victor Martins a bordo della sua nuova F2 sul tracciato di Barcellona – Foto: ART GP on X

Lo shakedown di Barcellona ha ufficialmente aperto le danze alla stagione 2024 di Formula 2. Per la prima volta i team hanno avuto l’occasione di mettere in pista le loro nuove monoposto, seppur in una singola giornata e con una sola auto. L’obiettivo del test non era comunque quello di ricercare la performance, ma solamente di acquisire confidenza con la vettura.

Le squadre sono state infatti dotate di soli due set di gomme per tutta la giornata, che ha visto piloti e ingegneri concentrarsi unicamente sui long run. Victor Martins, pilota ART GP, ha raccontato ai microfoni ufficiali della Formula 2 questa prima giornata in pista. “L’obiettivo primario di questo test era di avere una sessione pulita e senza problemi” ha dichiarato il francese.


Leggi anche: F2 | Team in pista con la nuova vettura 2024, le prime foto ufficiali


A primo impatto, la vettura non è cambiata molto rispetto allo scorso anno, quindi sarò comunque in grado di usare tutta la mia esperienza. Il focus di oggi era anche la nuova aerodinamica, molto diversa dalla scorsa generazione. Abbiamo iniziato a lavorare sul set-up, che sarà fondamentale per quando andremo in Bahrain (per i test ufficiali)”.

Martins ha poi continuato raccontando di aver preso sempre più confidenza con la monoposto con il passare dei giri. “Ovviamente, l’obiettivo è di conoscere gradualmente la macchina senza danneggiarla. Bisogna massimizzare il tempo in pista per provare nuove cose, ma ho potuto anche spingere! Mi piace quando puoi spingere e hai confidenza“.

Insomma, la nuova Dallara è senza dubbio piaciuta al francese, che anzi ha dichiarato di aver provato anche a spingere nonostante le fasi siano ancora premature. “A un certo punto ho portato la vettura al limite, e sentivo di avere una buona macchina sotto di me” ha infatti concluso.

Foto di copertina: ART GP on X

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter