Formula 1Interviste

F1 | Federica Masolin sarà ancora in Formula 1, ma “con un ruolo diverso”

Federica Masolin ha rivissuto i suoi 10 anni come presentatrice della Formula 1 in Italia, anticipando la sua presenza a qualche Gran Premio in questa stagione

Dieci anni alla conduzione nei paddock di tutto il mondo: questa è stata la vita sportiva di Federica Masolin negli ultimi 10 anni, una vita fatta di lunghi viaggi, momenti emozionanti ma anche estremamente toccanti, come ad esempio la morte di Jules Bianchi nel GP di Suzuka nel 2014.

La conduttrice milanese, che da quest’anno ha detto addio alla conduzione per Sky Sport, ha rivissuto la sua lunga carriera come presentatrice della Formula 1 in Italia, anticipando la sua presenza a qualche Gran Premio in questa stagione, e forse anche un suo coinvolgimento il prossimo anno, quando Lewis Hamilton vestirà di rosso. 

Federica Masolin Formula 1
Federica Masolin ha rivissuto i suoi 10 anni come presentatrice della Formula 1 in Italia © Marco Borgonovo

Dieci anni indimenticabili

”Era probabilmente la cosa più bella che mi potesse capitare”, esordisce la Masolin, ospite del podcast ”Passa dal BSMT” di Gianluca Gazzoli.Amo viaggiare, amo le macchine, parlo le lingue. Era il sogno, ma un sogno talmente in la che non pensavo neanche potesse arrivare”.

”Non pensavo potesse essere così bello. È stata una sorpresa continua e reiterata in 10 anni. Non sarò mai un’ex della Formula 1. È una a roba che ti porti dentro per sempre”.

”All’inizio dovevo farmi conoscere in un mondo diverso, o comunque conoscere persone con le quali non avevo avuto modo di confrontarmi mai, perché le guardavo in televisione, però non sai quanta accessibilità c’è in quel mondo. Invece ho trovato una rete veramente molto aperta”.

Come succede spesso, anche le cose belle finiscono, con la Masolin che, insieme a Davide Valsecchi, suo grande compagno di avventure negli anni, ha abbandonato la conduzione per lasciar spazio a Davide Camicioli e Vicky Piria.


Leggi anche: F1 | Horner con le spalle al muro: la dipendente Red Bull pronta a inchiodarlo pubblicamente


La 38enne milanese ha però anticipato però anticipato di come il suo legame con il mondo che l’ha ospitata negli ultimi dieci anni resterà comunque vivo, seppur lontana dal paddock: ”Il mio ruolo cambierà adesso. Non sarò più lì fisicamente”.

”Faccio ovviamente il tifo per la mia squadra Formula 1 e per i miei colleghi, che sapranno raccontare nel migliore dei modi, però a qualche gara ci sarò”.

”Avrò la possibilità di raccontare in maniera diversa, con un ruolo diverso. Magari avrò l’opportunità di raccontare Lewis, o magari di intervistarlo vestito di rosso. Chissà, lo vedremo…”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

1 commento

Rocco Enrico Centurione 11/03/2024 at 22:53

Confermate le certezze di pensiero. La professionalità è comunque protagonista di ritorni positivi. Sempre.

I commenti sono disabilitati