FIA Motorsport Games | Le donne dominano le Olimpiadi delle Corse: numeri e curiosità

I FIA Motorsport Games, prima edizione delle “Olimpiadi delle Corse”, fanno invidia per quanto riguarda il numero di donne che partecipano alla competizione. La presenza femminile all’Autodromo di Vallelunga è stata una scelta precisa dei promotori dell’evento, FIA e SRO, che sembra aver messo d’accordo tutti.

fia motorsport games donne
SRO / Dirk Bogaerts Photography

Le lacune del mondo delle corse FIA Motorsport Games donne

Secondo i dati della FIA, appena il 5% dei partecipanti a competizioni nazionali e internazionali promosse dalla Federazione sono di sesso femminile. La commissione Women In Motorsport, istituita al solo fine di contrastare questa preoccupante tendenza, non ha mai pensato che questo dato desolante fosse dovuto alla mancanza di talento delle giovani donne al volante. Notoriamente, un supporto economico ingente è necessario almeno quanto, se non di più, una vetrina internazionale dove dimostrare il proprio talento.

In questa edizione inaugurale dei FIA Motorsport Games, il numero di donne prendente parte alla manifestazione si attesta attorno al 20% del numero piloti complessivo. Parliamo di quattro volte la media delle competizioni internazionali.

Le rappresentanti del cambiamento

Fatta salva la Digital Cup, ambiente ancora riservato, evidentemente, alla prevaricante partecipazione maschile, il genere femminile è ben rappresentato in tutte le altre categorie. Per quanto riguarda la GT Cup, la Danimarca si affida a un equipaggio interamente femminile, con le bravissime Christina Nielsen e Flick Haigh. Il nome più noto è probabilmente quello di Belen Garcia, portabandiera spagnola in F4 e futura contendente al titolo nella popolarissima W Series. Jessica Backman, forse nome sconosciuto ai più, è considerata una dei migliori piloti Touring attualmente attivi e rappresenta con orgoglio la sua Svezia.

La vera novità, però, è costituita dagli equipaggi del Kartin Slalom. La disciplina, ideata appositamente per far emergere i giovanissimi talenti ddel futuro (fra i 14 e i 16 anni), richiedeva per regolamento la creazione di equipaggi misti. Ben 29 ragazze hanno, quindi, la possibilità di confrontarsi con i loro coetanei in quella che, per molte, è la prima competizione di rango internazionale, con tutta la copertura mediatica che ne consegue.

FIA Motorsport Games | Chi sono i portabandiera italiani alle Olimpiadi delle corse?


 

mm

Aurora Dell'Agli

Classe 1997, appassionata di motori sin da bambina. Studio Giurisprudenza e nel tempo libero commento e analizzo Formula 1, Formula E e WEC sul blog Instagram @theracingchick.