Ford: un marchio per tutti con alcune auto per pochi

Quali sono i modelli Ford più prestigiosi e perchè le auto della compagnia nata nel 1907 sono ancora tanto richieste?

Volante Ford auto
Foto: Jessy Smith

Ford è un marchio che ha scritto pagine importanti della storia dell’automobilismo. La compagnia nata nel 1907 per mano di Henry Ford è la prima a introdurre la catena di montaggio, e con l’inizio della meccanizzazione dei processi produttivi, inizia a produrre buone auto a basso costo.

Pur essendo considerato un brand alla portata di tutti, a differenza di quello che si può inizialmente pensare, ci sono tanti suoi modelli che possono essere definiti come dei veri capolavori, rari e anche di notevole valore.

I modelli Ford più prestigiosi

Iniziamo con uno dei modelli più famosi, la Ford GT40 Roadster Prototype (1965), un prototipo che vanta una storia importante dal punto di vista sportivo. Monta un motore V8 da 4,7 litri e 396 CV. Questa vettura è stata battuta all’asta nel 2019 per ben 7,0 milioni di euro. Alla guida di quest’auto si sono cimentati piloti come Ken Miles, Carroll Shelby e Jim Clark.

Restando negli anni 60 più precisamente nel 1967 si deve menzionare la Ford GT40 Mk I: una vera icona tra le vetture stradali. La vettura è stata venduta nel 2014 a 3,2 milioni di euro ed è una delle 31 versioni prodotte e usata da Ford in alcune campagne promozionali. Monta un motore V8, 4.7 l da 340 CV che tocca i 260 km/h di velocità massima.

Ma la famiglia della GT40 vanta anche una vettura incredibile come la GT40 Mk II del 1966  venduta all’asta nel 2018 per 9,0 milioni di euro. Quest’auto è stata scelta per essere una delle  protagoniste del film “Le Mans ’66” con Christian Bale e Matt Damon. Vanta un motore V8 7 litri  da 498 CV che le ha permesso di toccare i 326 km/h.

A queste si aggiunge la Shelby GT350R Prototype con numero di telaio 5R002. Al progetto di  sviluppo di questa vettura hanno contribuito Miles, Bob Bondurant, Chuck Cantwell, Peter Brock e  Jerry Titus, leggende del motorsport americano. Venduta nel 2020 al prezzo record di 3,5 milioni di  dollari. Questa è stata ribattezzata come “Flying Mustang” ed è la prima Shelby Mustang a vincere  una corsa. Ma il palmares di questa vettura vanta decine di vittorie nel 1965. Dopo varie vicissitudini la Shelby è stata una delle protagoniste del Concorso d’Eleganza di Amelia Island.

Gli anni 2000

Arrivando a tempi più recenti, nel 2019 è stata venduta negli Stati Uniti al prezzo di 1,1 milione di  euro, una Ford GT del 2017. Quest’ultima è una hypercar stradale spinta da un motore 3.5 V6  biturbo da 656 CV. È l’unico esemplare con la carrozzeria color Beryllium. Tra i dettagli troviamo anche delle ruote in fibra di carbonio.

Perché le auto Ford sono ancora molto richieste

Benché non sia tra i brand più venduti, le auto Ford sono ancora molto richieste. La sua storia è infatti fatta anche di molte vetture che sono alla portata di tutti, almeno per il prezzo iniziale. Sia queste che quelle esclusive di cui ti abbiamo parlato qui sopra, infatti, hanno in comune una cosa: sono tutte fatte da componenti che spesso sono facili da reperire, ma che possono essere costosi. Fortunatamente esistono portali dove si possono trovare ricambi usati del brand, come su Ovoko, che permette di allungare molto la vita dell’auto scelta anche quando ci sono più parti da sostituire.

Ford è un brand scelto anche per la sua qualità costruttiva, che rende molti dei suoi veicoli affidabili su strada. Molti modelli recenti dispongono di tecnologie di sicurezza all’avanguardia come l’assistenza al mantenimento della corsia, il controllo della stabilità, gli airbag per tutti i passeggeri e il controllo della trazione, tra gli altri.

Anche i design innovativi degli ultimi anni di Ford vengono applauditi dagli utenti di tutto il mondo per il loro nuovo stile aggressivo ed elegante. Infine, ma non meno importante, anche le prestazioni del brand americano continuano a interessare chi cerca un buon rapporto qualità/prezzo. Il motore EcoBoost, che rende i veicoli Ford più efficienti grazie all’incorporazione di turbocompressori che raggiungono una potenza che supera di gran lunga le dimensioni del motore, fornisce infatti una dinamica di guida moderna e piacevole, riducendo al contempo i consumi di carburante e le emissioni di CO2.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter