F2 | GP Bahrain – Zhou vince un’intensa Feature Race

La Feature Race di Formula 2 va a Guanyu Zhou che ha concretizzato la partenza dalla Pole Position. Chiudono sul podio Ticktum e Lawson, fuori Piastri per un incidente proprio con l’inglese.

Formula 2 Bahrain Feature Race
La griglia di partenza della Feature Race, determinata dal risultato delle qualifiche di venerdì. Foto: FIA Formula 2 via Twitter

Cronaca in diretta 

La pagina si aggiorna automaticamente ogni 90 secondi. Formula 2 Feature Race

12:45 – Buona domenica a tutti, la Formula 2 è pronta a dare spettacolo: tutti i piloti sono in griglia di partenza!

12:48 – Tanto vento questa mattina.

12:50 – Comincia ora il giro di formazione, tutto regolare finora. Formula 2 Feature Race

12:52 – Le vetture sono ritornate in griglia, a brevissimo lo spegnimento dei semafori.

12:53 – Lundgaard conferma via radio una pista sporca.

Partenza: Parte male Zhou, Lundgaard riesce a passarlo, start tranquillo nelle retrovie ad eccezione di Nissany autore di un testacoda. E intanto Drugovich riesce a passare Zhou. Male anche Daruvala sceso in ottava, bene Armstrong da tredicesimo a nono. Safety Car in pista.

G1: Chiarita la dinamica dell’incidente: Shwartzman tampona Nissany che prende anche Zendeli costringendo al ritiro l’israeliano e alla sosta l’albanese. Ritiro anche per Deledda.

G3: Rientrerà al termine di questo giro la Safety.

G4: Drugovich si fa vedere e passa Lundgaard in curva 1, ma il danese non molla e prova in traiettoria esterna prima nel rettilineo seguente e poi nello snake. Bene Piastri in quarta e Armstrong addirittura sesto. Grande mossa ancora di Piastri su Zhou che si porta alle spalle di Drugovich.

G5: Sale ancora Armstrong che riesce a passare Verschoor, drive through per Shwarztman.

G6: Pourchaire passa Lawson, Shwartzman sconta in questo momento la penalità.

G7: Scatenato il leader del campionato Piastri che supera anche Drugovich portandosi in seconda posizione. Ticktum si difende da Pourchaire.

G8: Armstrong sfrutta la gomma più morbida per passare anche Zhou.

G9: Piastri scende sotto al secondo su Lundgaard, si riproporrà il duello visto in Gara 2?

G10: Zhou ritorna alle spalle di Armstrong, segno che la soft comincia a cedere. Bel sorpasso di Ticktum su Verschoor che perde la posizione anche a favore di Pourchaire.

G11: Trenino dalla nona alla tredicesima piazza con Daruvala che regge su Verschoor, Viscaal e Vips. Piastri si avvicina a Lundgaard.

G12: Ed ecco che Piastri va all’attacco completando il sorpasso con successo. Ci prova anche Drugovich ma non riesce a mettere il muso della sua UNI-Virtuosi davanti alla ART.

G13: Lundgaard mette fine alla sofferenza con le soft rientrando ai box, mentre Shwartzman passa Petecof e anche lo stesso Lundgaard.

G14: Rientrato anche Drugovich che marca Lundgaard, continuano con un ottimo ritmo Piastri ed Armstrong. Il brasiliano esce alle spalle del pilota della ART a causa di un pit leggermente lento.

G15: Siamo nella fase centrale della gara e sono i pit stop a farla da padrona: Zhou, Ticktum, Boschung, Sato e Petecof. Parte l’estintore a quest’ultimo che parcheggia nella via di fuga di curva 1, imprevisto simile a quello accaduto a Schumacher a Spielberg nel 2020.

Immagine

G16: Rientra Piastri, il leader ora è Armstrong. Virtual Safety Car che aiuta Piastri che riesce ad uscire davanti a Lundgaard e Drugovich.

G17: Chiamata in pista la Safety Car, ne approfitta per rientrare Armstrong.

G18: Si ripartirà al termine di questo giro: Armstrong davanti, segue Piastri davanti a Verschoor risalito grazie al pit in regime di SC.

G19: Incubo per Armstrong che perde la posizione sia su Piastri che su Verschoor. Male anche Lundgaard che perde la posizione su Zhou e Lawson.

G20: Altro cambio in vetta: Verschoor riesce a superare Piastri, mentre le due UNI-Virtuosi scavalcano Armstrong.

G21: Ticktum supera Armstrong e Drugovich deve cedere a Zhou. Cinque secondi a Lundgaard, Drugovich, Sato e Vips per infrazioni commesse in regime di Safety Car. Ben 10 secondi per Viscaal invece.

G22: Lawson attacca Drugovich in curva 4 salendo in quarta. Bel sorpasso anche di Ticktum sul brasiliano in uscita dello snake. Bene Nannini che passa Beckmann guadagnando la P11.

G23: Zhou e Ticktum vanno all’attacco: devono mollare Piastri e Lawson che scendono rispettivamente in terza e quinta posizione.

G24: Battagliano le due ART con Pourchaire che vuole passare Lundgaard e ce la fa tra la 5 e la 6.

G25: Lundgaard riprende la posizione sul compagno di squadra mentre Piastri si riavvicina a Zhou.

G26: Prova a risalire Armstrong che scavalca Drugovich, ne approfitta Daruvala per salire in settima, crolla in ottava il brasiliano.

G27: Rimonta Shwartzman, che ha anche il giro veloce, portandosi in decima piazza, entrando quindi in zona punti. Bloccaggio in curva 10 per Verschoor, Zhou è ormai attaccato.

G28: Zhou duella con Verschoor e alla fine ha la meglio. Deve attendere un giro Piastri.

G29: Arriva anche Ticktum che attacca Piastri ma riesce a difendersi. Ne approfitta Lawson per unirsi: i primi cinque sono in 2 secondi!

G30: Incredibile Piastri che cercando di difendersi da Ticktum in curva 1 si gira e si pianta in curva 3. Virtual Safety Car!

G31: Terminata la Virtual, i primi quattro sono vicinissimi. Ticktum supera Verschoor in nettissima difficoltà con le gomme.

G32: Anche Lawson attacca Verschoor passandoolo in curva 4.

Bandiera a scacchi: Guanyu Zhou trasforma la Pole in vittoria e trionfa davanti a Ticktum e Lawson!

Questi i primi dieci in attesa del verdetto su Ticktum per l’incidente con Piastri.

Immagine

Appuntamento al 20 maggio per il weekend di Montecarlo in Formula 2.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Emanuele Zullo

Classe 2005, vivo a Napoli dove frequento il liceo linguistico. Adoro qualsiasi cosa abbia quattro ruote e spero di trasformare la mia passione in lavoro.