Formula E | Berna e-prix: vince Vergne al fotofinish e allunga in campionato

L’e-prix di Berna è il terzultimo appuntamento della quinta stagione di Formula E prima della doppia tappa di chiusura di New York.

Formula E
Foto: Marco Borgonovo per F1ingenerale

La Formula E fa tappa a Berna per la prima volta dopo che l’anno scorso l’e-prix di Svizzera si è disputato a Zurigo.
Il leader del campionato Jean Eric Vergne parte in pole position, affiancato da Mitch Evans su Jaguar. Dietro di loro invece partono in seconda fila Sebastien Buemi e Pascal Wehrlein. Il secondo in campionato Lucas di Grassi su Audi è costretto a rimontare dalla diciannovesima posizione dopo una qualifica difficile.

La gara

E’ subito caos alla prima curva! Sfilano indenni i primissimi, ma un grosso incidente coinvolge un notevole numero di vetture, ostruendo la pista e costringendo i commissari a esporre la bandiera rossa. Tra i piloti coinvolti vi sono Gunther, Wehrlein e Frijns. Altri piloti sono stati coinvolti, ma sono riusciti a ripartire dopo essere stati sfilati da tutto il gruppo.

La classifica ne risulta sconvolta e vede nell’ordine Vergne, Evans, Buemi, Massa, Vandoorne, Lopez , Mortara e Di Grassi, che è riuscito a risalire fino all’ottava posizione davanti a Da Costa. Lotterer è attestato della diciannovesima posizione. Durante il regime di bandiera rossa i commissari hanno fermato il cronometro a 44 minuti dal termine.
Wehrelein è riuscito a disincastrarsi dall’ingorgo ed ha raggiunto la pit-lane dove i meccanici hanno sostituito il musetto della sua Mahindra.

Il gruppo riparte dietro alla Safety Car, ma il tempo rimane fermo. Le immagini mostrano la monoposto di Lotterer fortemente danneggiata. La Safety Car guida il gruppo dentro alla pit-lane, dove i piloti scendono dalle vetture.

Riparte la gara Formula E

Nonostante le grandi polemiche di alcuni piloti,  viene annunciato che l’ordine di ripartenza sarà quello della griglia, fatta eccezione per Gunther e Wehrlein che partiranno dal fondo. Dopo un’attesa di quasi tre quarti d’ora, il cronometro riprende a scorrere e le vetture si incamminano dietro la safety car.
Riparte ufficialmente la gara, ma contrariamente a quanto annunciato in precedenza Wehrlein e Gunther sono in quarta e quinta posizione, mentre Frijns è l’unico ritirato.

Vergne prova ad allungare, ma è tallonato da Evans. Il duo di testa ha leggermente distanziato gli inseguitori. Il pilota della Jaguar è nettamente più veloce, ma la conformazione del tracciato rende difficile il sorpasso, nonostante l’inglese provi più volte a farsi vedere.
Intanto c’è un contatto nelle retrovie, con Mortara e Sims che si toccano e precipitano in fondo al gruppo.
Evans continua a tallonare Vergne giramolto lento, probabilmente per preservare la batteria, mentre Di Grassi è risalito fino alla sedicesima posizione. La classifica dietro al duo di testa vede Buemi, Wherlein, Gunther, Bird, Abt e Lotterer.

A mezz’ora dal termine Bird compie uno dei primi sorpassi della gara su Gunther per il quinto posto. L’inglese ha passato il tedesco all’esterno con una manovra audace. Poco dopo la direzione gara assegna un drive through a D’ambrosio per aver causato una collisione in curva 12.

Problemi per Wehrlein

Vergne non riesce ad allungare su Evans, che affianca anche il francese senza riuscire a concludere il sorpasso. Wehrlein è costretto a fermarsi a bordo pista per un problema tecnico e i commissari espongono la full course yellow. Grazie al ritiro di Wehrlein, Bird sale in quarta posizione, Lotterer in settima, Massa in nona, Vandoorne in decima e Di Grassi in dodicesima.

Siamo tutti annoiati senza i nostri sport preferiti, ma solo collaborando ANDRÀ TUTTO BENE.
Se non è indispensabile, RESTA A CASA!

Foto: Marco Borgonovo per F1ingenerale

La direzione gara rimuove la Full Course Yellow quando mancano 21 minuti al termine, con Buemi che si riavvicina alla coppia di testa.
Evans e Vergne regalano spettacolo: i due hanno già attivato entrambi i propri attack mode. Il pilota della Jaguar affianca la Techeetah diverse volte, ma Vergne si difende sempre egregiamente.

Lottere effettua un gran sorpasso all’esterno su Abt e conquista la sesta posizione. Poco dopo Lotterer scavalca anche Gunther e sale in quinta posizione. Anche Di Grassi è scatenato e con l’ennesimo sorpasso conquista l’undicesima posizione a discapito di Lopez.
Grazie all’attack mode, Vergne guadagna circa un secondo su Evans, che intanto è stato raggiunto da Buemi e Bird. Anche Lotterer si avvicina ai primi quattro, ma dispone del 3% di energia in più.

Il finale di gara

Quando mancano nove minuti al termine, Evans si riporta sotto al secondo di ritardo da Vergne.
Lotterer ha definitivamente raggiunto i primi quattro e attiva il suo secondo attack mode. Riesce così a mettere pressione a Sam Bird, che arriva lungo in frenata e regala la quarta posizione al tedesco.
Anche Di Grassi usa il secondo attack mode e conquista così la decima posizione. A due minuti dalla conclusione viene segnalata anche della pioggia in curva 1. La pioggia aumenta di intensità e cade su tutto il tracciato, accendendo così la battaglia per la vittoria tra i primi 4.
Gli ultimi due giri sono ad alta tensione, ma le posizioni non cambiano: vince Vergne al fotofinish davanti a Evans, Buemi e Lotterer. Ruota a ruota nell’ultimo giro anche tra Massa e Di Grassi, con il pilota della Venturi che conserva la nona posizione. Questa la classifica finale:

Foto: Live timing Formula E

La Formula E torna il 13 e il 14 luglio per il doppio round finale a New York.

Telegram Web

Seguici anche su Telegram

Formula E | E Prix Berna, Venturi: Mortara e Massa ambiscono al podio

mm

Carlo Platella

Nato e cresciuto a Torino, studio ingegneria dell'Autoveicolo nel Politecnico della mia città. Ho una grande passione per il motorsport in tutte le sue forme che mi piace trasmettere negli articoli. Ho lavorato nella Squadra Corse della mia università con la speranza un giorno di entrare in Formula 1.