Formula E | Marrakech E-Prix – Porsche, Lotterer e Jani: “Speriamo in un weekend senza intoppi”

Porsche vuole riscattarsi dopo una gara deludente a Città del Messico, che con la partenza dalla Pole Position poteva andare diversamente. L’obiettivo è tornare quantomeno in zona punti. Marrakech E-Prix Porsche

Marrakech E-Prix Porsche
Foto: Porsche

Nona in classifica costruttori, la Porsche spera di ripetere la Pole Position di Città del Messico e, allo stesso tempo, di trasformare le buone performance sul giro secco in gara. Marrakech E-Prix Porsche

Infatti, Porsche non conclude una gara in top 10 dal podio di Ad Diriyah in Gara 1 con Lotterer. Proprio il tedesco è stato l’unico ad aver raccolto dei punti per la scuderia tedesca.

Lotterer guarda però il bicchiere mezzo pieno, tirando le somme delle prime quattro gare: “È fantastico che siamo riusciti a portare a casa un podio e una Pole Position nelle nostre prime quattro gare di Formula E. I risultati dimostrano che la Porsche 99X Electric è un’auto competitiva. Stiamo ancora imparando e siamo sicuri che saremo in grado di confermarci all’E-Prix di Marrakech”.

Questo invece il suo approccio al Marrakech E-Prix: “È probabile che il livello delle prestazioni sia molto elevato a causa del layout della pista, motivo per cui è particolarmente importante che tutto vada bene nelle qualifiche. La pista è molto speciale perché guideremo molto vicino alle mura della città vecchia. Ha un po’ di tutto, curve lente e veloci; mi piace il layout. Avere un’auto settata correttamente e una buona gestione dell’energia sono i fattori chiave. Non sarà una gara facile poiché ci sono molte opportunità di sorpasso su questa pista, il che significa che dovremo essere ancora più efficienti con la quantità di energia che abbiamo a disposizione”. 

Inizio di stagione complesso invece per Neel Jani. Lo svizzero chiuse a punti una sola volta, a Santiago del Cile, ma fu poi squalificato.

Le speranze di Jani sono tutte su un weekend pulito e senza imprevisti: “Le ultime tre gare sono state piuttosto difficili per noi come squadra. A Santiago del Cile e Città del Messico, in particolare, abbiamo avuto buone possibilità di raccogliere punti, ma non siamo stati in grado di sfruttarle. Spero che il Marocco si riveli un weekend di gara in cui tutto vada bene per noi e tagliamo il traguardo nei punti senza incidenti o penalità”. 

Il pilota ex Dragon ha anche analizzato il tracciato che non ha subito variazioni: “Parte di essa è una pista permanente, che probabilmente ha più grip rispetto ad altre piste tipiche di Formula E, simile alla pista in Messico. Il consumo di energia è piuttosto elevato, il che significa che è necessario guidare in modo efficiente e elaborare una strategia di gara adeguata”. 

Seguici nel nostro canale telegram per non perdere alcun aggiornamento sul mondo della Formula E!

Formula E | Tutte le line-up dei rookie test di Marrakech

Emanuele Zullo

Classe 2005, vivo a Napoli dove frequento il liceo linguistico. Adoro qualsiasi cosa abbia quattro ruote e spero di trasformare la mia passione in lavoro.