Formula E | Maximilian Günther guiderà la Dragon anche a Parigi

Il pilota tedesco era stato sostituito da Felipe Nasr dopo i primi tre appuntamenti. Tornato a Roma per sostituire il brasiliano impegnato nel WEC, Maximilian Günther gareggerà anche a Parigi.

Günther Parigi Dragon
Foto: Maximilan Günther Media

Il 21enne tedesco ha iniziato la stagione a Riyadh concludendo con un sedicesimo posto. Nel secondo appuntamento a Marrakech, Günter ha chiuso in dodicesima posizone, mentre si è ritirato a Santiago.

La Dragon ha poi deciso di sostituirlo con Felipe Nasr che non ha ottenuto granché a Città del Messico, Hong Kong e Sanya. Infatti, il brasiliano non è andato oltre un diciannovesimo posto nella sue breve avventura in Formula E, tra problemi e incidenti.

Maximilian Günther è tornato ad affiancare José Maria Lopez per l’E-Prix di Roma; nonostante l’ottima qualifica, arrivando addirittura in Superpole, il tedesco della Dragon non ha chiuso la gara.

Günther ha sostituito Nasr a causa della gara a Long Beach del Campionato IMSA WeatherTech SportsCar e l’ex pilota Sauber F1 salterà la gara di Parigi sempre a causa del campionato IMSA. Comprensibile la scelta di Nasr, dato che è in lotta per vincere un Campionato.

Ricordiamo che è permesso cambiare pilota solo tre volte per un’auto e non saranno più accettati cambi di line-up per gli ultimi E-Prix della stagione, ovvero quello di Berna e i due di New York.



Il comunicato della Dragon

Qui riportato il comunicato della Scuderia statunitense.

“La GEOX Dragon conferma che Maximilian Gunther sarà al fianco di José Maria Lopez in occasione dell’E-Prix di Parigi nella Penske EV-3 numero 6 valido per il Campionato FIA Formula E. Felipe Nasr non correrà a Parigi per sua decisione, dovuta alla preparazione per la prossima gara del campionato IMSA, di cui è il leader. Felipe augura buona fortuna ai suoi compagni José Maria Lopez e Maximilian Gunther per questo E-Prix”.

Formula E | Sessione di test privati per la Porsche sul tracciato spagnolo di Calafat

Emanuele Zullo

Sono un ragazzo di 14 anni e la mia passione per lo sport è immensa. Spero di coronare il mio sogno, diventare un giornalista sportivo.