Formula E | Monaco E-Prix – Mercedes: “Dobbiamo reagire duramente in Messico”

E-Prix di Monaco decisamente da dimenticare per Mercedes. Il team tedesco lascia il Principato con un doppio ritiro.

Formula E - Monaco E-Prix - Mercedes
Foto: Mercedes EQ Formula E – Daimler

Mercedes arrivava all’E-Prix di Monaco al comando sia della classifica squadre sia della classifica piloti, con de Vries e Vandoorne rispettivamente in 1° e 2° posizione. Il team tedesco non ha rispettato le aspettative nella prima, storica, gara sul circuito completo di Monaco. I due alfieri Mercedes non hanno disputato una buona qualifica, de Vries, a causa di un problema, non ha girato al 100% e sarebbe partito ultimo senza l’incidente di Sette Camara. In gara non è arrivata la rimonta nonostante un tracciato che, al contrario delle aspettative, ha mostrato un E-Prix pieno di sorpassi. La delusione è quindi tanta anche perché le due Silver Arrow 02 non hanno concluso la corsa. Come risultato di questa pessima performance de Vries ha perso la testa del mondiale mentre Vandoorne è sceso in 6° posizione. Il team è ancora leader della classifica squadre ma Jaguar si è portata a 2 punti, il distacco era di 23. Per tentare di riscattarsi il team tedesco dovrà aspettare il 19 giugno quando si correrà in Messico al Circuito cittadino di Puebla.


Leggi anche: Formula E | Monaco E-Prix – Trionfo Techeetah: “Abbiamo superato momenti difficili, ora siamo di nuovo in lotta per i titoli”


Nyck de Vries:

“È capitato qualcosa di spiacevole in qualifica quando ho attivato il “selettore dello scenario”, ho avuto solo il 50% della potenza massima consentita per mezzo giro. Essendoci qualificati in fondo alla griglia a causa del problema, abbiamo deciso di sostituire alcune parti della macchina e di prendere penalità, ci aspettavamo di avere una gara difficile in ogni caso vista la nostra posizione in griglia. Mi è stata inflitta una penalità di 10 secondi in seguito alle modifiche che abbiamo fatto. In gara speravamo in una Safety Car in modo da poter fare la differenza con il delta di energia che siamo riusciti a creare, ma è uscita un po’ troppo tardi per noi. Abbiamo fatto quello che potevamo ma purtroppo oggi non è stato possibile fare di più. Ora dobbiamo continuare a lavorare e reagire duramente in Messico“.

Stoffel Vandoorne:

“Giornata difficile a Monaco e nessun punto, purtroppo. Le qualifiche sono state difficili, perché siamo scesi in pista nel Gruppo 1, che non è mai l’ideale, e la nostra auto non era davvero così competitiva in assetto da qualifica. Sono partito dalla P15 sulla griglia e sono stato sfortunato al primo giro alla curva 6, alcune auto si sono scontrate e hanno bloccato la pista. Sono stato costretto ad aspettare dietro di loro e di conseguenza sono sceso nelle retrovie. Il mio ritmo è stato buono dopo questo e sono stato in grado di recuperare. Abbiamo avuto anche una buona gestione dell’energia fino all’uscita della Safety Car. Non so davvero cosa sia successo dopo, nell’approccio alla curva 10. Le mie ruote posteriori si sono bloccate. Ho perso il controllo e non ho potuto evitare Wehrlein davanti a me. Abbiamo dovuto ritirare la macchina e la mia gara è finita”.

Seguici nel nostro nuovo canale Telegram interamente dedicato alla Formula E per non perderti nessuna news del campionato 100% elettrico!

mm

Giada Di Somma

Appassionata di motori da sempre. Studio comunicazione a Roma e spero di poter rendere la mia passione un lavoro.