Formula E | New York City E-Prix – Vince Vergne, le Audi a podio vincono il mondiale

L’ultimo appuntamento della stagione 2018 Formula E ha rischiato di saltare a causa del maltempo, ma poi la situazione è migliorata permettendo il corretto svolgimento dell’E-Prix. 43 giri previsti ricchi di emozioni, vediamo cos’è successo nell’epilogo della quarta stagione del mondiale di Formula E. Formula E Audi

Partono le vetture con il tradizionale burnout. Mentre le vetture si schierano in griglia sale la musica. Si accendono le luci, la musica si spegne. Via, ottima partenza di Vergne che si prende la prima posizione con una ruotata su Buemi. Il pilota più pvonto di tutti ha una piccola esitazione e lascia approfittare il campione del mondo. Problemi al via per Lynn che resta subito indietro con la sua DS Virgin. Lotterer blocca le ruote cercando l’attacco su Buemi, e Di Grassi lo tampona leggermente e senza conseguenze.

Nel secondo giro il pilota che ha guadagnato più posizioni è Da Costa, con ben 4 sorpassi. Al giro 4 le due Techeetah di Lotterer e Vergne finiscono sotto investigazione per jump start. Nel quinto giro il tedesco della Techeetah riesce a sopravanzare Buemi e si prende il giro più veloce.

Dillmann rientra ai box nel sesto giro, e le Audi non ci stanno a farsi soffiare il titolo mondiale costruttori. Di Grassi va all’attacco di Buemi, ma al giro 7 Lopez urta contro le barriere e un tamponamento tra Filippi e D’Ambrosio costringono al ritiro entrambe le Dragon e la Nio dell’italiano, e la direzione gara impone il regime di Full Course Yellow. Nel giro 10 la direzione gara assegna una penalità di 10 secondi stop/go ad Andre Lotterer per partenza anticipata, mentre Vergne se la cava con un “no further action”. Un replay della regia internazionale mostra Abt che va lungo e tampona la Jaguar di Piquet.

Al giro 11 bandiera verde, con Di Grassi all’attacco di Buemi, e Lotterer all’inizio del giro 12 si ferma per scontare la penalità, rientrando in 15ma posizione. Nel dodicesimo giro Di Grassi sorpassa Buemi portandosi in seconda posizione, ma raccoglie un detrito della Nio di Filippi. La Audi si trova a un solo punto in classifica mondiale dalla Techeetah.

Al giro 15 Abt supera Piquet portandosi in quarta posizione e aiutando il team di Allan McNish a pregustare il sogno mondiale. Il pilota tedesco si prende in giro più veloce alla diciassettesima tornata.

Al diciassettesimo giro la direzione gara assegna una penalità di 10 secondi stop/go a Da Costa per aver causato una collisione, e finalmente arrivano i risultati del Fan Boost: Buemi, Vergne e Abt i 3 più votati.

Al giro 19 Daniel Abt passa Buemi prendendosi il podio, al giro successivo Lotterer è tredicesimo ma Di Grassi si avvicina a Vergne.iAl ventunesimo giro inizia la lotta Jaguar vs. Mahindra: Evans passa il compagno di squadra Piquet, che al giro 22 perde la posizione anche su Rosenqvist e rischia al ventitreesimo giro di perdere la posizione anche su Heidfeld.

Ultimo cambio vettura della storia della Formula E

Daniel Abt, al giro 23, apre per l’ultima volta in assoluto il valzer dei pit stop per il cambio vettura. A seguirlo si ferma Rosenqvist, Buemi (che stacca il cavo della radio mentre è ancora alla guida e lo lascia penzolante nella nuova vettura), Vergne, Di Grassi e via via tutti gli altri. Lotterer si prende la dodicesima posizione, Abt supera Buemi prendendosi la terza posizione in uscita dai box, e nel giro 26 Buemi riesce a riconquistare il podio virtuale sfruttando il Fan Boost.

Al giro 29 Abt conquista ancora una volta la terza posizione approfittando di un errore del pilota svizzero della E.Dams Renault, e al giro successivo fa il miglior tempo.

Nel corso del trentaduesimo giro Di Grassi si avvicina moltissimo a Vergne, conquistando la seconda posizione in classifica mondiale a pari punti con Bird.iAl giro 36 Heidfeld supera Piquet prendendosi la settima posizione, ma nel giro successivo Vergne e Di Grassi nelle prime due posizioni sono letteralmente francobollati.

Al giro 38 Lotterer conquista l’undicesima posizione ai danni di Prost, e Vergne sfrutta il Fan Boost. Al giro 39, a cinque giri dal termine della stagione, Di Grassi tocca Vergne ripetendosi anche nel giro successivo. Danni visibili sulla punta del musetto del brasiliano, che prova con le unghie e con i denti a sorpassare Vergne. Lotterer al quarantunesimo giro sorpassa Sarrazin entrando in top 10 e portando la Techeetah a -3 dalla Audi.

Formula E Audi

Quarantatreesimo giro, ultima tornata di questa emozionante stagione 2018. Vergne sfrutta un doppiaggio per guadagnare metri, Buemi si avvicina a Daniel Abt. Lotterer si porta in nona posizione superando Bird. Bandiera a scacchi: vince Vergne davanti a Di Grassi e Abt, con il tedesco che si prende il giro più veloce. La Audi Sport ABT Schaeffler è campione del mondo costruttori per soli due punti sulla Techeetah. Il pilota brasiliano della Audi, inoltre, soffia l’argento mondiale a Sam Bird per un solo punto.

Cala dunque il sipario non solo su una stagione, ma su un intero campionato che dice addio alla sua prima generazione. Sarà il 15 dicembre il primo appuntamento della nuova stagione di Formula E, la numero 5, ricca di novità tra cui l’arrivo della Gen2 Batmobile. È la fine di un’era segnata dal cambio vettura, dal doppio stint di gara e dai piloti che saltano letteralmente da una monoposto all’altra, con una rivoluzione 100% elettrica ed ecosostenibile nata dalla mente di Alejandro Agag.

Finisce così la quarta stagione del campionato mondiale di Formula E, con Jean-Eric Vergne campione del mondo tra i piloti e Audi Sport ABT Shaeffler migliore tra i team partecipanti. Per citare le parole dell’inno ufficiale della Formula;E, the race to the future is now (la corsa per il futuro è ora), e non possiamo che viverla insieme. Appuntamento a metà dicembre, per la prossima stagione di Formula E, let’s stand together!

Foto: ABB Formula E

Formula E | New York City E-Prix – Vince Vergne, le Audi a podio vincono il mondiale
Lascia un voto
mm

Beppe Dammacco

Appassionato di motori dalla nascita, tifoso della Ferrari fino al midollo, seguo F1, WRC, WEC, Formula E, MotoGP e SBK. Sogno di trasformare la mia passione per la scrittura giornalistica in un lavoro, nel frattempo scrivo per vari siti web