Formula E | Diriyah E-Prix – Nissan e.dams, prima volta senza Jean-Paul Driot

Il team Nissan e.dams è pronto ad affrontare la seconda stagione in Formula E, la prima dopo la scomparsa del fondatore Jean-Paul Driot. Piloti confermati, livrea aggiornata e un powertrain al posto di due – per obbligo da regolamento.

Nissan e.dams
Buemi in azione con la nuova Nissan. Foto: Nissan e.dams

Nissan e.dams comincerà la sua seconda stagione in Formula E senza il fondatore della squadra Jean-Paul Driot, morto all’età di 68 anni, ma con delle solide basi dalle quali ripartire.

Il costruttore giapponese può infatti contare su due piloti molto veloci, ovvero Sebastien Buemi ed Oliver Rowland e su una vettura aggiornata dopo le modifiche al regolamento.

La scuderia è adesso governata dai figli di Jean-Paul Driot, Gregory ed Olivier, e dovrà ricominciare sulla strada che ha portato il team a conquistare una vittoria, tre secondi posti, due terzi e ben 6 Pole Position, il team ad averne conquistate di più.

Parola ai piloti

Sebastien Buemi, campione della Season 2, ha sottolineato il lavoro al simulatore svolto in questo periodo di pausa e le performance dei test prestagionali a Valencia. Lo svizzero resta comunque cauto: “Abbiamo terminato la scorsa stagione con una bella gara e una vittoria a New York. Penso che siamo ben posizionati per continuare nella Season 6. Con le nuove regole dobbiamo avere un unico powertrain ma ho sentito molto bene l’auto durante i test. Abbiamo anche svolto un lavoro considerevole al simulatore per prepararci alla prima gara, ma non sai mai veramente dove ti trovi finché non sarai in pista con i tuoi rivali. Il test prestagionali sono una mini guida, ma ci sono grandi differenze tra una pista come Valencia e il circuito cittadino di Ad Diriyah”. 

Per Oliver Rowland si tratta invece della seconda stagione in assoluto, ma l’inglese sostiene di avere le idee chiare: “Arrivo alla Season 6 con un anno intero di esperienza alle spalle, il che è un grande vantaggio per me rispetto alla scorsa stagione. Mi sento molto meglio preparato e so cosa aspettarmi. Il team ha svolto un ottimo lavoro con il propulsore aggiornato. Mi è piaciuto molto il circuito di Riyadh l’anno scorso. C’è un po’ di dislivello e grandi parti della pista dove ti avvicini davvero tanto ai muri”. 

Seguici su Telegram, FacebookInstagramTwitter.

Formula E | Gutierrez pilota di riserva della Mercedes

Emanuele Zullo

Classe 2005, vivo a Napoli dove frequento il liceo linguistico. Adoro qualsiasi cosa abbia quattro ruote e spero di trasformare la mia passione in lavoro.