Formula E | Nuovi regolamenti finanziari per contenere i costi

La FIA e la Formula E hanno elaborato dei nuovi regolamenti finanziari per contenere i costi del campionato e renderlo sostenibile a lungo termine.

Formula E - Andretti - Porsche
Foto: Formula E Twitter

Dopo 18 mesi di lavoro la FIA, la Formula E e tutti i team impegnati nel campionato hanno trovato un accordo sul nuovo regolamento finanziario. Il regolamento ha molteplici scopi, quello principale è sicuramente di controllare le spese di ogni team e rendere la categoria finanziariamente sostenibile. Questo dovrebbe mettere un freno alla tendenza degli ultimi anni riguardo al budget stagionale. I top team, secondo i rumors del paddock, nella scorsa stagione hanno potuto contare su un budget superiore ai 50 milioni di euro. Cifre decisamente alte e che vanno in contrasto con gli appena 10 milioni di euro, secondo The Race, dei team di bassa fascia.

I nuovi regolamenti finanziari sono divisi in base alla natura dei team, clienti e costruttori. I primi avranno a disposizione per la stagione 2023 e 2024 un budget di 13 milioni di euro. Da questa cifra sono però esclusi le spese legate a contratti già esistenti. Per la Season 11, 2025, il budget verrà aumentato a 15 milioni di euro. Saranno compresi gli stipendi dei piloti e le spese legate ad una futura, possibile, Gen3Evo. I costruttori invece avranno, per due stagioni, un budget di 25 milioni di euro. Questa cifra è giustificata dai costi di ricerca e sviluppo, produzione e fornitura a team clienti.

I regolamenti entreranno in vigore dal 1° Ottobre 2022. Tra il mese di ottobre e quello di novembre ogni team potrà presentare, in modo volontario, alla FIA la documentazione necessaria per conformarsi alla normativa. Ad occuparsi di controllare e indagare su possibili violazioni sarà la Cost Cap Administration.


Leggi anche: Extreme E | Jurassic X Prix – Classifica finale: Rosberg batte Hamilton. RXR si aggiudica il titolo


Jamie Reigle, CEO Formula E:

“Negli ultimi 18 mesi, abbiamo lavorato a stretto contatto con la FIA e con tutti i team di Formula E per creare un quadro normativo che rafforzerà la sostenibilità finanziaria a lungo termine per tutti i partecipanti alla serie. In combinazione con i recenti miglioramenti ai nostri regolamenti tecnici e ai format sportivi, questo sistema finanziario rafforzerà la validità della Formula E.  In collaborazione con la FIA, abbiamo creato un quadro che pone il successo finanziario a lungo termine al centro del campionato che sosterrà i nostri team e produttori esistenti, attirando nuovi concorrenti e investimenti. I regolamenti finanziari sono progettati per integrarsi con la nostra ambiziosa tabella di marcia a livello tecnico e consentire ai produttori di Formula E di mostrare il potenziale dei veicoli elettrici nelle condizioni di gara più esigenti, la Formula E. Il passaggio ai veicoli elettrici sta aumentando e l’auto Gen3 della Formula E determineranno lo standard per prestazioni ed efficienza. Non si può tornare indietro”.

Frederic Bertrand, direttore del dipartimento FIA per la Formula E e i progetti innovativi nel motorsport:

“Devo lodare gli sforzi congiunti della FIA e dei team finanziari della Formula E, che hanno lavorato su questi regolamenti per alcuni mesi, in stretta collaborazione con i team e i produttori del campionato. Il risultato soddisfa tutte le aspettative e, alla vigilia dell’introduzione della vettura Gen3, garantirà a tutte le parti interessate una visione chiara di dove il campionato è diretto, consentendo loro di pianificare il futuro con fiducia. L’adozione di tali misure consente alla Formula E di offrire ai produttori la piattaforma perfetta per mostrare le loro tecnologie a livelli di costo, aumentando al contempo l’equità tra i team che competono all’apice delle corse elettriche”.

Seguici nel nostro nuovo canale Telegram interamente dedicato alla Formula E per non perderti nessuna news del campionato 100% elettrico!

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

mm

Giada Di Somma

Appassionata di motori da sempre. Studio comunicazione a Roma e spero di poter rendere la mia passione un lavoro.