Formula E | Possibile un e-prix nel centro di Budapest

Il campionato di Formula E potrebbe sbarcare in Ungheria per un e-prix nel centro di Budapest.

Credit: e-racing.365.com

La stagione di Formula E 2018-2019 è indubbiamente la più competitiva finora con 8 vincitori diversi in altrettante gare e una classifica piloti sempre più corta.
La direzione di Formula E sta già lavorando per cercare nuove città disposte a far vedere le potenzialità delle monoposto elettriche. Lo stesso Alejandro Agag ha sinteticamente manifestato la volontà di correre a Budapest: Formula E Budapest

”Si, stiamo discutendo con Budapest, decisamente. Mi piacerebbe correre lì.” [Credit: Autosport.com]

Jerome D’Ambrosio, pilota Mahindra Racing e uno degli 8 vincitori di quest’anno, ha avuto modo di girare nel centro di Budapest. Infatti è stato organizzato un evento da ABB in cui ha preso parte anche Max Verstappen, pilota Red Bull e il più giovane a vincere una gara di Formula 1. Formula E Budapest

D’ambrosio ha avuto modo di far girare la GEN2 attorno a Nepliget Park che nel lontano 1936 è stata sede della vittoria di Nuvolari con l’Auto Union. Inoltre è la sede dell’edificio centrale di Allianz, uno dei partner della Formula E. Queste le prime sensazioni di D’Ambrosio:

”Budapest è una città assolutamente incredibile. Mi piacerebbe correre qui perchè c’è molto entusiasmo. È bello combinare e la storia ed il futuro e noi dobbiamo abbracciare il futuro e io sono favorevole a questo.” [Credit: e-racing365.com ]

Per quanto riguarda il periodo, la Formula E aveva optato per una data estiva a partire dal 2021 ma ci sono alcuni ostacoli. Infatti il governo ungherese ha un contratto a lungo termine con la FIA per la Formula 1 e il WTCR. Tuttavia a favore di un e-prix ungherese gioca il fatto che ci sono importati centri tecnici per alcuni team di Formula E; infatti Audi, Mercedes e Nissan hanno delle strutture dislocate nel territorio ungherese mentre BMW sta costruendo una nuova fabbrica a Debrecen. Formula E Budapest

Formula E | Possibile futuro in Porsche per Mark Webber