Formula E | Puebla E-Prix – Nissan punta a New York e al campionato

Nissan e.dams nell’E-Prix di Puebla non ha capitalizzato come desiderava. Nonostante questo Rowland si vede ancora in lotta per il titolo.

Nissan - Oliver Rowland - Puebla
Foto: Nismo Twitter

E-Prix di Puebla non totalmente soddisfacente per Nissan. Nella prima gara, complice una pessima qualifica di Buemi e un problema alla radio di Rowland, il team non ha conquistato punti. A fine gara è anche arrivata la squalifica per non aver dichiarato correttamente le gomme. Nella seconda gara di Puebla per il team è andata sicuramente meglio. Rowland ha centrato la pole position mentre Buemi è rimasto escluso dalla SuperPole per una poszione. In gara l’inglese nulla a potuto contro Mortara e Wehrlein, nettamente più veloci, e al ritorno di Nick Cassidy. Buemi invece è stato vittima di un incidente con una Jaguar, costretto ad uscire fuori pista lo svizzero ha perso la zona punti. Grazie alla penalità post gara di Wehrlein la Nissan n.22 è stata promossa sul terzo gradino del podio. Per Rowland è il primo in stagione, così come per Nissan. L’inglese, nonostante i 19 punti di svantaggio da Mortara, leader del mondiale, crede che la lotta per il titolo possa essere ancora possibile.


Leggi anche: Formula E | Pagelle Puebla E-Prix: Tra vincitori e vinti


Oliver Rowland:

“Nel complesso una giornata abbastanza ragionevole. Ho ottenuto tre punti per la pole, poi ho finito quarto in gara, ma terzo con la penalità. Un po’ deluso di non essere salito sul podio subito dopo la gara, ma penso che abbiamo fatto il massimo. Non c’era molto da fare. Non avevo la velocità, in definitiva, alla fine. Ho lottato un po’ con le gomme. Ma abbiamo dimostrato di avere un grande ritmo in qualifica e abbiamo qualcosa su cui lavorare per le restanti gare, e penso che abbiamo solo bisogno di concentrarci sul rendere i piccoli dettagli in gara un po’ meglio. Non c’è motivo per cui non possiamo lottare per il campionato fino alla fine della stagione”.

Sebastien Buemi:

Sono felice per Oli oggi. Ha fatto un ottimo lavoro. Almeno questo è un bene per la squadra. Da parte mia sono stato un po’ sfortunato. Sono partito P7 e sono stato spinto fuori. C’erano un sacco di pietre e non sono riuscito a tornare in pista e ho perso otto o nove posizioni in un giro. Così, alla fine ho cercato di recuperare il più possibile, ma ovviamente era finita per i punti. Quindi, un altro fine settimana deluso, ma sento che abbiamo una certa velocità. Speriamo che a New York saremo in grado di convertirla in qualche risultato”.

Seguici nel nostro nuovo canale Telegram interamente dedicato alla Formula E per non perderti nessuna news del campionato 100% elettrico!

Seguici anche sui social: InstagramFacebookTwitter

 

 

mm

Giada Di Somma

Appassionata di motori da sempre. Studio comunicazione a Roma e spero di poter rendere la mia passione un lavoro.