Formula E | Continuano le polemiche sulle qualifiche

Il formato con cui vengono effettuate le qualifiche negli E-Prix ha subito diverse modifiche, mantenendo comunque una sua struttura originale. Nella quinta stagione ora in corso, i piloti si dividono in quattro gruppi e i sei che segnano i tempi migliori accedono alla caratteristica superpole. La divisione in gruppi si presume necessaria, data la natura dei circuiti cittadini su cui tradizionalmente si disputano le gare. Tuttavia, molti ne criticano la composizione: a scendere in pista per primi, e a usufruire quindi di peggiori condizioni della pista, sono i cinque piloti in testa al campionato. In un’intervista ad Autosport.com, le stelle Techeetah André Lotterer e Jean-Eric Vergne hanno espresso la loro frustrazione al riguardo, dopo una deludente qualifica nell’ E-Prix di Santiago del Cile. Formula E qualifiche

“Non può andare avanti così” Formula E qualifiche

Sono durissime le parole di Vergne, da sempre un professionista dei giri veloci e campione uscente della categoria elettrica.

Formula E qualifiche

“Io non capisco. Impieghiamo tempo e denaro per cercare di essere i migliori, ma siamo penalizzati qualificandoci nel primo gruppo, specialmente nei tracciati dove l’evoluzione della pista è notevole. Le qualifiche sono da sempre un problema in Formula E. Quando ero in Formula 1, nessuno si è mai lamentato del formato di qualifica. Non penso che qui si possa andare avanti così per molto. I costruttori spendono un sacco di soliti e si rovinano il weekend solo perché sono nel primo gruppo. Posso capire che agli spettatori piaccia questa specie di lotteria, ma quando c’è un investimento di questo tipo dietro il nostro sport non può trasformarsi in una lotteria.”

“Penalizzati perché siamo in testa” Formula E qualifiche

Sulla stessa linea troviamo il compagno di squadra André Lotterer, che si è nuovamente reso protagonista di una grossa rimonta in Cile, salvo chiudere tredicesimo per prevedibili problemi alla batteria. Il tedesco, pluricampione a Le Mans, aveva già espresso il suo disappunto su Instagram, e ha recentemente rincarato la dose.

Formula E qualifiche
DS Techeetah

“Quello attuale non è un buon modo di definire i gruppi di qualifica. Non vedo perché dovremmo essere penalizzati perché siamo in testa. Investiamo ingenti risorse per rimanere sempre al massimo delle prestazioni, ma essere regolarmente ricacciati in fondo allo schieramento non è una situazione ideale.”

Resta da capire se nel prossimo E-Prix di Città del Messico, che si corre in pista e non su un circuito cittadino, l’ordine di qualifica avrà un impatto meno rilevante sulle prestazioni di vetture e piloti. Appuntamento a sabato prossimo!

 

Formula E | Come le batterie hanno rovinato la gara di Santiago

mm

Aurora Dell'Agli

Classe 1997, studentessa di Giurisprudenza, blogger su @theracingchick. Ho un occhio di riguardo per Endurance, competizioni GT, Formula 1 e Formula E.