Formula E | Road to season 6, Virgin: il team cliente lancia la sfida ai costruttori

A meno di tre settimane dall’inizio del campionato di Formula E, il team Virgin appare come un serio aspirante al titolo.

Virgin Formula E
Foto: Envision Virgin Racing

Il team Envision Virgin Racing si pone come uno dei candidati alla vittoria finale in Formula E.
La scuderia inglese è stata protagonista nelle ultime stagioni, con Sam Bird che nella season 4 è stato uno dei contendenti di Vergne per il titolo.
Nella season 5 il team ha collezionato una pole, 6 podi e ben 3 vittorie. Sam Bird ha trionfato a Santiago del Cile, mentre Frijns a Parigi e New York.
La classifica finale di campionato ha visto Frijns in quarta posizione con 106 punti a fronte dei 136 del campione Vergne, mentre Bird ha chiuso in nona posizione a quota 85 punti.
Virgin che invece ha conquistato il podio nella classifica riservata alle squadre. La squadra ha chiuso infatti a quota 191 punti, poco staccata dai 222 dei campioni della DS-Techeetah e 203 del team Audi di cui Virgin è cliente per quanto riguarda il powertrain.

La squadra inglese ha tutte le carte in regola per poter fare ancora meglio nella prossima stagione e ambire al titolo. La season 6 infatti non sarà più una stagione di transizione come quella precedente, quando il team passò dal powertrain DS a quello Audi. La stabilità e l’esperienza acquisita con il materiale del costruttore tedesco giocheranno sicuramente a favore della compagine britannica.

La stabilità è ulteriormente rafforzata dalla conferma della coppia di piloti, che ancora una volta sarà formata da Sam Bird e Robin Frijns.
La novità riguarda invece il nuovo quartier generale del team a Silverstone. La sede è provvista di un nuovo simulatore che fornirà un ulteriore aiuto e strumento a piloti e ingegneri per la scelta dell’assetto.

Virgin Preview New York E-Prix
Foto: Virgin racing Twitter

Ottimi riscontri nei test di Valencia

Nel debutto stagionale nei test collettivi di Valencia, le Virgin hanno dimostrato subito un’ottima competitività, andando a segnare tra i migliori tempi nei primi due giorni di prove. Nel terzo giorno i piloti non hanno migliorato i propri riferimenti cronometrici, scivolando indietro nella classifica finale.  Tuttavia, l’analisi finale dei test di Valencia conferma il grande potenziale della Virgin.

Indicative riguardo la condizione attuale del team sono le parole dei due piloti dopo la fine dei test di Valencia.
Sam Bird ha dichiarato: “E’ stato grandioso essere davanti a tutti nel primo giorno di test, ma il nostro obiettivo principale per questa settimana era di assicurarci di raccogliere dati e conoscenze importanti prima della gara inaugurale a novembre. L’auto si comportava in maniera simile all’anno scorso. Abbiamo un pacchetto ottimizzato da parte di Audi Sport per la stagione sei, perciò sono fiducioso che disponiamo di un’altra vettura vincente. Adesso dobbiamo solo vederla in azione”.

Il suo compagno si squadra Robin Frijns ha aggiunto: “Il team ha lavorato duramente lungo il periodo estivo e la preparazione si è vista durante questo test. Essere in cima alle classifiche il secondo giorno è stato molto positivo per me e i dati raccolti dalle nostre simulazioni di gara sono di grande aiuto prima dell’esordio stagionale. Passeremo le prossime settimane rivedendoli e lavorando al simulatore per essere sicuri di rimanere competitivi per la stagione imminente”. Virgin Formula E

La doppia gara in Arabia Saudita potrà fornire maggiori indicazioni su dove gli uomini della Virgin possono sperare di arrivare.

Seguici anche su Telegram

Analisi Tecnica Formula E | Powertrain Nissan: tra politica ed evoluzione filosofica

mm

Carlo Platella

Nato e cresciuto a Torino, studio ingegneria dell'Autoveicolo nel Politecnico della mia città. Ho una grande passione per il motorsport in tutte le sue forme che mi piace trasmettere negli articoli. Ho lavorato nella Squadra Corse della mia università con la speranza un giorno di entrare in Formula 1.