Formula E | Roma E-Prix – Esclusiva, Blomqvist: “Sono fiducioso che la Formula E possa creare un ottimo calendario”

F1inGenerale, nel weekend dell’E-Prix di Roma di Formula E, ha potuto intervistare Tom Blomqvist, pilota del team cinese NIO.

Formula E - NIO Blomqvist
Foto: Alessandro P per F1inGenerale.

Tom Blomqvist è alla sua prima stagione con NIO ma non in Formula E. Il pilota inglese ha potuto correre e lavorare con Andretti e Jaguar acquisendo dell’esperienza vitale per la sua nuova avventura con NIO. In questo weekend di Roma Blomqvist ha conquistato i suoi primi punti della stagione grazie al doppio piazzamento a punti. 10° e 8° per un totale di 5 punti, più di quanti ne abbia conquistati nelle precedenti 10 gare disputate. I suoi risultati sono una buonissima notizia per NIO che, insieme a Porsche, Jaguar e Nissan, ha conquistato dei punti in ognuna delle quattro gare. Ora l’obiettivo è quello di continuare su questa strada per le successive gare. La prossima tappa sarà a Valencia, sul Circuito Ricardo Tormo, ma una parte del calendario della Formula E non è stata ancora confermata. Blomqvist vorrebbe correre a New York, la città statunitense era presente nella prima bozza pubblicata ma non è mai arrivata nessuna notizia ufficiale su una sua conferma o cancellazione.


Questa è la tua prima stagione per il team NIO, prima di venire qui hai corso per Jaguar e Andretti. Pensi che questa esperienza in diverse squadre possa essere utile nella tua nuova avventura con NIO?

“Sì, credo che le diverse informazioni su come i team lavorano che ho imparato possono aiutare. Guidare diverse macchine, interagire con diversi membri del team, sono cose positive, mi fanno crescere come pilota. Inoltre, con questa esperienza, posso aiutare il team NIO.”

Nelle prime due gare, soprattutto nella seconda, la gestione delle penalità è stata criticata. Pensi che la Formula E dovrebbe cambiare qualcosa? Non solo nel modo di gestire le indagini, ma anche nel regolamento visto che sembrano esserci ancora delle zone grigie?

“Penso che la Formula E abbia fatto un buon lavoro. Non è facile gestire le gare, credo che a Diriyah ci siano state delle circostanze particolari. Alcune persone sono state sfortunate ma alla fine le regole sono regole e vanno rispettate. Penso che vanno presi dei rischi, potrebbero diventare opportunità. Non sta a me giudicare ma penso che in generale siano stati abbastanza bravi con tutto. Magari devono cambiare qualcosa per il futuro ma alla fine c’è sempre un altro aspetto delle corse, le occasioni.”

Cosa ne pensi del lavoro della FIA e della Formula E? Come sarà in futuro?

“La FIA e la Formula E hanno fatto un buon lavoro nell’organizzare queste gare. Penso sia stata una mossa intelligente. La tappa di Roma è stata il primo vero cittadino e molto interessante. Mi piacerebbe andare a correre New York, sarebbe fantastico. Ma sono fiducioso che la Formula E possa creare un ottimo calendario e sono sicuro che troverà delle buone soluzioni per le tappe non ancora confermate. Vedremo ma stanno facendo bene.”

Seguici nel nostro nuovo canale Telegram interamente dedicato alla Formula E per non perderti nessuna news del campionato 100% elettrico!

Formula E | Pagelle Roma E-Prix: L’artiglio del Giaguaro

mm

Giada Di Somma

Appassionata di motori da sempre. Studio comunicazione a Roma e spero di poter rendere la mia passione un lavoro.