Formula E | Santiago E-Prix, la consacrazione del talento Guenther: “Mi sono detto ‘Ora o mai più!’ “

In un Santiago E-Prix incerto fino all’ultimo, Guenther conquista la prima vittoria con un sorpasso effettuato a tre curve dal traguardo.

Guenther Santiago
Foto: Formula E Media area

Il Santiago E-Prix ha segnato la consacrazione di Maximilian Guenther, che al termine di una gara estremamente combattuta ha conquistato la propria prima vittoria in Formula E.
Il tedesco ha costruito il successo finale sin dalle qualifiche, dove ha ottenuto la seconda posizione alle spalle di Mitch Evans.

La partenza dal lato sporco ha fatto retrocedere Guenther in terza posizione e successivamente, nella giostra dell’attack mode, anche alle spalle di Mortara. Dalla quarta posizione il tedesco ha quindi iniziato la propria rimonta sfruttando la potenza extra di 35 kW.
Il sorpasso conclusivo per la testa della corsa su Evans è avvenuto a pochi secondi dallo scadere del secondo attack mode. Con una delle manovre più belle dall’inizio di stagione, Guenther ha sfilato la Jaguar all’esterno della velocissima curva otto, tra le ovazioni del pubblico.

 “Oggi è un sogno diventato realtà. Per tutti noi, si è trattato di gestire la gara con il caldo ed è stata battaglia fino alla fine. Non essendo partito bene dal lato sporco della pista, che mi è costato una posizione, abbiamo usato la potenza extra dell’attack mode con grande astuzia e alla fine mi ha permesso di andare in testa”, così ha commentato Guenther nel dopo-gara.

Eccellente la gestione gara

Il Santiago E-Prix non ha evidenziato solo la velocità e l’aggressività, ma anche la grande lucidità e mentalità del talento di BMW.
In una gara corsa senza interruzioni salvo una breve full course yellow e con temperature costantemente superiori ai 35°C, era fondamentale gestire la temperatura e la carica residua della batteria.
La gestione del mezzo è stata fondamentale per poter reagire al sorpasso di Da Costa nel finale. Dopo aver perso la posizione a pochi minuti dal termine, Guenther ha mantenuto la calma e ha ascoltato le indicazioni del proprio muretto box. Dopo essere rimasto incollato al portoghese per qualche giro, il tedesco ha effettuato il sorpasso decisivo a tre curve dal termine, sfruttando le difficoltà riscontrate da Da Costa con la batteria.

Pagelle Formula E | Santiago ePrix

Siamo tutti annoiati senza i nostri sport preferiti, ma solo collaborando ANDRÀ TUTTO BENE.
Se non è indispensabile, RESTA A CASA!

“Con quelle temperature, era anche importante tenere un occhio sulla batteria. Lo abbiamo fatto molto bene nel giro finale, con Antonio [Da Costa, ndr] che ha dovuto alzare il piede dall’acceleratore un po’ prima di me sul rettilineo. Mi sono detto ‘ora o mai più’ e ho tentato il sorpasso. Fortunatamente, è riuscito!”.

Con la vittoria cilena, Guenther si porta a tredici punti di ritardo dalla testa della classifica piloti. BMW invece sale in vetta alla classifica costruttori, nello stesso giorno che ha visto il ritiro di Alexander Sims.

Con velocità, decisione nei sorpassi, lucidità e visione di gara, Maximilian Guenther ha dimostrato di avere tutte le carte in regola per poter diventare uno dei futuri protagonisti della Formula E. Il Santiago E-Prix potrebbe aver incoronato un potenziale campione.

Seguici anche nel canale Telegram con tutte le news e gli approfondimenti di Formula E!

mm

Carlo Platella

Nato e cresciuto a Torino, studio ingegneria dell'Autoveicolo nel Politecnico della mia città. Ho una grande passione per il motorsport in tutte le sue forme che mi piace trasmettere negli articoli. Ho lavorato nella Squadra Corse della mia università con la speranza un giorno di entrare in Formula 1.