Formula E | Santiago E-Prix – Mahindra in cerca della prestazione in gara

Dopo delle buone qualifiche disputate nel doppio round in Arabia Saudita, la Mahindra non è riuscita a capitalizzare in gara. In Cile cercheranno di migliorare su questo fronte. Santiago E-Prix Mahindra

Santiago E-Prix Mahindra
Foto: ABB Formula E

Nel primo appuntamento stagionale in Arabia Saudita, la Mahindra Racing si è subito distinta nelle qualifiche, riuscendo ad arrivare in Superpole in entrambe le gare con D’Ambrosio. Santiago E-Prix Mahindra

In gara, però, è mancato qualcosa. Solo due i punti raccolti da D’Ambrosio nel primo E-Prix e problemi tecnici nel secondo. Pascal Wehrlein, invece, è rimasto fuori dalla zona punti in entrambe le occasioni.

La squadra arriva in Cile forte di un buon ritmo qualifica e desiderosa di migliorare le prestazioni in gara.
Lo scorso anno sono riusciti a raggiungere il podio con Wehrlein. Vedremo se riusciranno a ripetersi in questa stagione.

Molte le sfide del tracciato di Santiago, dalle alte temperature alle alte velocità. Ecco le parole dei piloti e del team principal.

Jerome D’Ambrosio

“Mi sono sentito molto bene in macchina la scorsa gara in Arabia Saudita con la mia doppia partecipazione alla Super Pole e abbiamo lavorato duro quest’estate e dopo Riyad, quindi cercherò di fare tripletta di Super Pole qui a Santiago. Quello che voglio è partire davanti in griglia“.

“Lo scorso anno le gomme sono state un grosso problema e abbiamo avuto molto degrado con l’innalzamento delle temperature del tracciato, ma abbiamo alcuni strumenti per cercare di gestire meglio questa difficoltà.”

Mi piacciono le nuove regole di riduzione dell’energia, ma penso ci sia un’alta probabilità che questa sia una gara sulla temperatura, piuttosto che sulla gestione dell’energia”.

Pascal Wehrlein

La pista è cambiata un po’ dallo scorso anno, ma mi verrebbe da dire che Santiago è una delle piste più veloci con punti di frenata intensi; lo scorso anno, i freni sono stati un nostro punto forte. La sfida qui è che le alte temperature possono avere effetti indesiderati su gomme e batteria e causare un surriscaldamento della vettura.”

“Oltre ad adattare il proprio stile di guida e cercare di non intraversare non c’è molto che un pilota possa fare, ma ci siamo preparati nel miglior modo possibile al caldo del Cile. Con i nuovi regolamenti sulla riduzione dell’energia, la strategia e la gestione dell’energia sono molto più importanti di quanto lo siano mai stati”.

Siamo tutti annoiati senza i nostri sport preferiti, ma solo collaborando ANDRÀ TUTTO BENE.
Se non è indispensabile, RESTA A CASA!

Dilbagh Gill – Team Principal

“Abbiamo avuto un’ottima performance nelle qualifiche a Diriyah e stiamo cercando di proseguire su questa strada qui in Cile; allo stesso tempo lavoriamo sodo per avere una performance solida in gara.”

“Abbiamo visto negli scorsi anni l’impatto che le alte temperature della pista possono avere in gara, quindi la sfida in questo weekend sarà gestire le temperature di gomme e batteria“.

“Le nuove regole sull’energia introdotte nella sesta stagione sono state applicate nel primo appuntamento della stagione; se avremo una safety car o un full course yellow questa volta, la gara potrebbe essere molto interessante.”

Appuntamento a sabato 18 gennaio per l’E-Prix di Santiago.

Seguici nel nostro nuovo canale Telegram interamente dedicato alla Formula E per non perderti nessuna news di questo campionato!

Formula E | Santiago E-Prix – Nissan ha grandi ambizioni per la tappa cilena