Formula E | Santiago E-Prix: Mahindra soddisfatta a metà

Per Mahindra l’E-Prix di Santiago si è rivelato dai due volti. Wehrlein ha sfiorato il podio mentre d’Ambrosio è stato afflitto dai problemi.

Foto: Mahindra Formula E Twitter

Mahindra conclude la tappa di Santiago del Cile conquistando 12 punti in classifica grazie a Pascal Wehrlein. Per il team indiano questo doveva essere l’E-Prix del riscatto dopo un inizio di stagione non dei migliori. Missione riuscita però a metà. In qualifica la M6Electro si è dimostrata ancora una volta competitiva e anche in gara ci sono stati dei miglioramenti sul passo. A segnare ancora negativamente il weekend è stata però la scarsa affidabilità. Jerome d’Ambrosio non è riuscito a completare il suo giro di qualifica ed è dovuto partire dalla 20esima posizione. Il belga è riuscito a recuperare trovandosi anche vicino alla Top 10 ma la sua gara si è conclusa con un problema al cambio e un non classificato. E-Prix totalmente differente per Wehrlein che in qualifica è riuscito ad accedere ancora una volta alla Super Pole. Il tedesco è scattato terzo e ad inizio gara è anche riuscito a portarsi in seconda posizione. Successivamente non è riuscito a resistere agli attacchi dei rivali che si sono uniti alla lotta per il podio. Wehrlein ha poi concluso la gara al quarto posto dopo aver superato de Vries sul rettilineo all’ultimo giro.

Le parole del team:

Pascal Wehrlein: “Sono arrivato secondo qui l’anno scorso e quarto quest’anno, quindi è una pista che mi piace molto! Sapevamo che sarebbe stato abbastanza difficile. Ho fatto una buona partenza e sono salito al secondo posto. Ho fatto di tutto per difendere la posizione e per essere il più veloce possibile ma questo è stato il massimo che potevamo fare. La squadra ha lavorato duramente negli ultimi due mesi e ha attraversato una grande transizione con molte nuove persone e quindi penso che questo sia un buon risultato per noi”..

Foto: Mahindra Formula E Twitter

Jérôme d’Ambrosio: È un weekend un po’ deludente perché ho avuto un problema nelle qualifiche che mi ha fatto capire subito come sarebbe andata la mia gara. Ma queste sono le corse e quindi ovviamente in questo momento tutti nel team ed io siamo frustrati ma c’è una sola risposta in queste situazioni ed è quella di riorganizzarsi e guardare al lato positivo, imparare dai nostri errori, risolvere eventuali problemi tecnici e puntare all’affidabilità. Siamo veloci nelle qualifiche e c’è sicuramente un margine di miglioramento il che è positivo. Mahindra Racing ha molte persone brave e laboriose e risolveremo i problemi”.

.

Dilbagh Gill, Team Principal: “Eravamo sul podio qui a Santiago l’anno scorso e volevamo davvero ripeterci, siamo delusi di non averlo raggiunto ma siamo sostenuti da un risultato forte di Pascal che puntiamo a ripetere nel prossimo round a Città del Messico. Ci sono stati alcuni risultati positivi; questa gara ha dimostrato per due anni di fila di essere di grande logoramento e quindi è positivo aver portato due vetture alla fine. Abbiamo mostrato una buona gestione dell’energia, una buona gestione termica e una buona strategia di Attack Mode e abbiamo anche dimostrato la nostra velocità e competitività. È stato un peccato il problema avuto da Jérôme in qualifica altrimenti credo che avrebbe continuato la striscia di Super Pole consecutive che ha iniziato a Riyadh. Prenderemo i lati positivi e lavoreremo sulle aree su cui dobbiamo migliorare con l’obiettivo di un podio in Messico”.

Siamo tutti annoiati senza i nostri sport preferiti, ma solo collaborando ANDRÀ TUTTO BENE.
Se non è indispensabile, RESTA A CASA!

Seguici nel nostro nuovo canale Telegram interamente dedicato alla Formula E per non perderti nessuna news di questo campionato!

Formula E | Santiago E-Prix: Mercedes si conferma competitiva

mm

Giada Di Somma

Ragazza appassionata di motorsport fin da bambina. Autrice su F1 in Generale e blogger su Instagram (_sv_05_).