Formula E | Santiago E-Prix, vince Bird tra penalità e ritiri

Sam Bird ha vinto l’E-Prix di Santiago del Cile, tra penalità e ritiri. Il britannico della Virgin è il terzo vincitore in tre gare del campionato 100% elettrico.

Foto: FIA ABB Formula E (Facebook)

L’E-Prix di Santiago del Cile, terzo appuntamento del Campionato FIA ABB di Formula E parte con un colpo di scena: Di Grassi, che aveva conquistato la pole position, parte ultimo per irregolarità tecniche.

Al via nessun contatto, ma dopo 2 minuti Bird supera Abt. A -43:05 la Nio di Dillmann si pianta al centro della pista, ripartendo dopo 30 secondi.

  • -42:15 si apre la finestra per l’Attack Mode.

Il replay ci smentisce, infatti nelle retrovie c’è stato un contatto nelle retrovie proprio con Dillmann coinvolto, e Di Grassi taglia una chicane per evitare i detriti. Il pilota brasiliano della Audi finisce sotto investigazione per il taglio a -40.

Massa superato da Max Gunther a -39, e il gruppo pare diviso in due gruppi all’altezza della nona piazza.

  • -38:15 Buemi prende l’Attack Mode e rischia di perdere la leadership dell’E-Prix, e a -36:50 Maximilian Gunther finisce sotto investigazione per aver tagliato una chicane.

Gunther attiva l’Attack Mode a -35, e Rowland si avvicina a Massa tentando l’attacco.

Vergne toccato da dietro dalla DS Techeetah di Lotterer a -33. Il francese, compagno di squadra di Lotterer finisce in ultima posizione ma recupera due piazze dopo 2 minuti.

  • -32.00 Wehrlein perde la posizione nei confronti di Bird e attiva l’Attack Mode, e dopo di lui anche altri piloti lo prendono.

Massa spinto a muro da Rowland a -29:30. A -28:40 c’è bandiera gialla, Gunther si pianta sul rettilineo principale, e a -28:10 Mortara si gira toccato da Sims.

Massa e Dillmann sono ai box. A -26:23 la Geox Dragon di Lopez si gira all’ultima curva tamponata dalla Audi di Di Grassi, e a -25:55 parte il regime di Full Course Yellow per consentire la rimozione della Dragon di Gunther.

Le vetture, in regime di FCY, raggiungono una velocità massima di 50 km/h. I piloti premiati dal Fan Boost sono Di Grassi, Da Costa, Buemi, Vandoorne e Abt

  • -21:50, green flag. Riparte la gara, con Bird che insedia Buemi per la prima posizione ma senza successo. A -20 Vandoorne finisce lungo e colpisce le barriere, distruggendo l’ala anteriore. FCY a -19:40 che finisce a -18:20

Bird è vicinissimo a Buemi a -16:30, ma lo svizzero tocca le barriere a -15:20 rompendo l’ala e i passaruota. Rientra ai box per sostituire il muso, ma ha la sospensione piegata. Gara finita per lui.

JEV rientra ai box a -13:18, probabilmente la gara finisce così anche per lui. A -12:16 gran bel duello tra Frijns ed Evans. Anche Da Costa rientra ai box e si ritira a -10:20

  • -9:50 Abt usa il Fan Boost per tentare l’attacco su Sims, ma rallenta di colpo probabilmente per un problema tecnico.

D’Ambrosio sfrutta il Fan Boost a -8:15, mentre la sua vettura è sotto investigazione per aver superato la velocità in FCY (così come Di Grassi).

  • -7:45 Paffett rallenta e lascia sfilare gli altri, ma prosegue nella sua gara, mentre a -6:30 Lotterer tocca Di Grassi che finisce lungo
  • -4:25 Wehrlein sfrutta l’Attack Mode per avvicinarsi a Bird, ma finisce lungo a -3:15. A -2:25 Rowland finisce a muro. A -00:36 Wehrlein rallenta esponenzialmente per le temperature troppo alte, e allo scadere del tempo la direzione gara espone bandiere gialle per la vettura di Rowland ferma a bordo pista.

Nell’ultimo giro Bird ha 5 secondi di vantaggio su Wehrlein e la vittoria in pugno.

Bandiera a scacchi. Ottava vittoria in Formula E per Sam Bird, Pascal Wehrlein chiude secondo e sul gradino più basso del podio c’è Alexander Sims della BMW. Edoardo Mortara chiude quinto e, dopo aver tagliato il traguardo, stampa la sua vettura contro il muro. Di Grassi becca una penalità di 5 secondi per aver causato una collisione, così come Sims che perde il podio cedendo la posizione (e il premio) a Daniel Abt.





Termina così l’E-Prix di Santiago del Cile, terzo appuntamento del Campionato FIA ABB di Formula E, con una Virgin motorizzata Audi più veloce della casa madre e un asfalto sgretolato letteralmente. Restate sintonizzati sulle nostre pagine per seguire gli aggiornamenti sul campionato 100% elettrico e sul motorsport in generale. Appuntamento il 26 febbraio con l’E-Prix di Città del Messico.

Formula E | Round 3: Classifica Piloti e Team

Formula E | Santiago E-Prix, vince Bird tra penalità e ritiri
Lascia un voto
mm

Beppe Dammacco

Appassionato di motori dalla nascita, tifoso della Ferrari fino al midollo, seguo F1, WRC, WEC, Formula E, MotoGP e SBK. Sogno di trasformare la mia passione per la scrittura giornalistica in un lavoro, nel frattempo scrivo per vari siti web