Formula 1Interviste

F1 | Russell prudente ma sognatore: “Red Bull ancora al top a inizio 2024, ma…”

George Russell non ha dubbi sul fatto che Red Bull inizierà il 2024 allo stesso livello della stagione appena conclusa, anche se confida in una rinascita di Mercedes con la nuova W15

Manca ancora un mese e mezzo all’inizio dei test pre stagionali in Bahrain, ma George Russell preferisce adottare un approccio molto prudente. Consapevole dell’enorme vantaggio tecnico di Red Bull, e dell’abbandono dello sviluppo sulla RB19 già in estate, il pilota britannico è convinto che la scuderia di Milton Keynes inizierà il 2024 ancora al top, anche se confida in una rinascita di Mercedes con la nuova W15 che ”sarà diversa in quasi ogni componente”.

Russell Red Bull 2024
Russell realista: Red Bull sarà ancora davanti a inizio 2024 © Daily Express

Red Bull sarà ancora davanti a inizio 2024

“Penso che ora siamo in una posizione migliore rispetto a 12 mesi fa”, ha dichiarato il pilota Mercedes al Telegraph. “Stiamo lavorando da diversi mesi al nostro nuovo concept di vettura. Abbiamo fatto mille controlli incrociati e siamo tutti molto fiduciosi”.

“Non c’è dubbio che la Red Bull inizierà la stagione al top, ma la stagione è lunga. Inizia più presto che mai e finisce più tardi che mai. Le cose possono cambiare. Spero in una stagione in cui possa fare le stesse prestazioni e ottenere i risultati che ho ottenuto nel 2022, o almeno massimizzare i risultati come nel 2022. La mia fiducia non è stata minimamente intaccata”.

Nel 2023, Russell è stato protagonista di un’annata abbastanza incolore, chiusa solamente all’ottavo posto contro il terzo del compagno di squadra.

Proprio parlando del confronto con Hamilton, George ha dichiarato: “Quest’anno sono stato mediamente al livello di Lewis. Non mi basta essere al suo livello. Voglio essere davanti a lui. Devo essere però anche essere realista”.


Leggi anche: F1 | Aston Martin, ufficiale la data e il luogo di presentazione della AMR24


“Mi sto confrontando con il più grande pilota di tutti i tempi. Non è certo un cattivo punto di riferimento. Penso che le statistiche delle qualifiche, se si includono le gare sprint, siano esattamente uguali. E anche per quanto riguarda il ritmo, siamo generalmente uguali. Quindi ci sono degli aspetti positivi. Ad essere sincero, preferirei essere seduto qui senza i risultati, ma con il ritmo”.

Il numero 63 spera di cominciare il 2024 sulla falsa riga del podio ottenuto ad Abu Dhabi, che ha permesso a Mercedes di mantenere il secondo posto nel mondiale costruttori contro Ferrari. Ad oggi, Russell rimane l’ultimo vincitore di un gran premio per le frecce d’argento, con la speranza di aggiungere altri successi tra pochi mesi.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter