Formula 1Interviste

F1 | La SF24 fa ben sperare: “Può essere un’ottima stagione per Ferrari″

Gerhard Berger si è detto fiducioso sulla nuova SF24 e sul possibile ruolo da protagonista che Ferrari potrebbe recitare in questa stagione

Dopo un 2023 con poche luci e tante ombre, Ferrari si affida alla SF24 per rilanciare le proprie sorti, nella speranza che la RB20 non ammazzi ancora una volta il campionato con largo anticipo. Sin dalla presentazione della nuova rossa, l’opinione pubblica si è schierata in due correnti di pensiero differente: c’è chi ritiene che il cavallino abbia prodotto una vettura troppo conservativa rispetto ai competitors, e chi, come Gerhard Berger, crede che la SF24 possa avere un importante potenziale. 

Berger Ferrari SF24
Gerhard Berger si è detto fiducioso sulla nuova SF24 © Ferrari

Cosa aspettarsi dalla SF24?

”Per adesso ci sono soltanto i dati del simulatore”, esordisce in un’intervista alla Gazzetta dello Sport l’ex pilota austriaco, che ha guidato per la scuderia di Maranello dal 1987 al 1989, e dal 1993 al 1995.

”Se la nuova macchina sarà davvero più guidabile e più veloce lo capiremo solo nei test e dopo le prime gare. Anch’io però ho la sensazione che possa essere un’ottima stagione per la Ferrari. L’anno scorso non è andata come prevedevano. Tuttavia, sono migliorati molto durante il campionato e alla fine erano il team più vicino alla Red Bull”. 

Un moderato ottimismo dunque quello di Berger, consapevole che battere il tandem Verstappen-Red Bull sarà comunque impresa ardua per chiunque: “Sono il punto di riferimento e Max rimane il favorito per il titolo. Credo però che gli altri ridurranno il divario, e vedo la Ferrari come prima inseguitrice”. 

A tenere in mano le redini della scuderia anche quest’anno sarà ancora Frederic Vasseur, che negli ultimi tempi sta acquisendo sempre più consensi agli occhi degli addetti ai lavori e dei tifosi, soprattutto dopo l’ingaggio di alcuni nomi di grande caratura, due su tutti Loic Serra e Lewis Hamilton, i quali arriveranno entrambi da Mercedes nel 2025.


Leggi anche: F1 | Ferrari, perchè vedere Newey a Maranello ora è uno scenario realistico


“È un team principal di grande esperienza”, aggiunge Berger in conclusione. ”Ha ottenuto molti successi nelle categorie inferiori, e sta facendo le mosse giuste. Ci sono ottime prospettive per la Ferrari in futuro”. 

Nonostante si respiri fiducia tra le mura di Maranello, mantenere un profilo basso e la massima umiltà è comunque doveroso, non sapendo ancora quanto competitive saranno gli altri top team. A levarci ogni dubbio ci penserà il circuito di Sakhir, con la tre giorni di test in Bahrain che offrirà i primi importanti spunti sui valori di forza in campo e sulla bontà della SF24.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter