A TCFormula 1Interviste

F1 | Minardi, l’indiscrezione su Ferrari: “Mi dicono di investimenti importanti in termini di uomini“

Giancarlo Minardi ha fatto un bilancio della prima stagione di Frederic Vasseur come team principal Ferrari, con il francese chiamato al primo vero esame nel 2024

Mancano ancora un paio di mesi all’inizio della prossima stagione, ma in casa Ferrari l’attenzione è già rivolta al 2024, con Frederic Vasseur che, dopo aver ereditato il testimone da Mattia Binotto ad inizio Gennaio, sarà chiamato al primo vero esame alla guida della scuderia. Se quest’anno il francese ha dovuto principalmente amministrare l’ultimo regalo del tecnico italo-svizzero, il progetto 676 sarà il primo interamente portato avanti dal suo staff.

Minardi Ferrari Vasseur
Minardi, il bilancio del 2023 di Vasseur e la previsione sul 2024 Ferrari © Ferrari

Minardi, il bilancio del 2023 di Vasseur e la previsione sul 2024

”Quel che servirebbe alla Ferrari per l’ultimo balzo nell’inseguimento alla Red Bull? Se lo sapessi, avrei già vinto al superenalotto”, ha dichiarato il manager faentino alla Gazzetta Dello Sport.

”Seduti in poltrona si guarda la gara, si confrontano i tempi, si può far qualche considerazione, ma poi per sapere come funziona davvero una squadra bisogna viverci dentro, e delle volte non basta nemmeno. Per cui, non è il caso di dar giudizi e nemmeno consigli”.

Dopo un preambolo, Minardi è passato ad analizzare il 2023 della rossa: ”Tutti si aspettavano un certo livello, soprattutto dopo un inizio promettente, un livello al quale però poi la rossa è arrivata solo nel finale. Quindi, è stata una stagione in crescita”. 

”Nella sua seconda parte credo ci abbia fatto vivere qualcosa del 2024, perché, con la stabilità dei regolamenti, ripartiremo da una situazione in cui in qualifica tutte le 15 auto della Q2 erano in un secondo”.

”Un bel segnale di competitività ed equilibrio, in cui è parecchio facile passare da esser bravi a esserlo molto meno. Dopodiché, Ferrari e McLaren, con l’andare del campionato, hanno migliorato i long-run, quindi speriamo bene, di divertirci”. 

Dopo aver commentato la stagione Ferrari nella sua interezza, il presidente dell’autodromo di Imola ha dato i voti anche alla prima annata di Vasseur in rosso: “Essendo entrato in carica a gennaio 2023 non credo sia valutabile più di tanto. Ha trovato tutto fatto. Il bello viene adesso”.


Leggi anche: F1 | Ferrari, termina ufficialmente il rapporto pluriennale con un grosso sponsor


”Tutti mi dicono, e lui stesso ha dichiarato, che sono stati fatti investimenti importanti in termini di uomini e mano d’opera, quindi vedremo quali e quanti innesti entreranno. Operazioni inevitabili, visto che veniamo da un certo immobilismo”.

”La macchina già da anni è fatta dalle stesse persone. Era il momento di percepire, comprendere e apprendere quel che stanno facendo gli altri. È il compito del team principal. Certo, alla Ferrari quando sei secondo sei il primo dei perdenti, quindi non è facile”. 

Una delle poche certezze da cui ripartire nel prossimo campionato è rappresentata dalla coppia Leclerc-Sainz, che hanno tenuto a galla il team anche in un’annata parecchio complicata come quella appena trascorsa: “Sono una bella squadra, affiatata, ma è vero che hanno tutti e due commesso errori”.

”Non so quanto per colpa loro e quanto per ovviare alle difficoltà della macchina. Quegli sbagli serviranno a crescere e a migliorare i risultati della Ferrari”, conclude Minardi.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

1 commento

Corrado Di Cecco 01/01/2024 at 22:34

Alla FERRARI, SECONDO ME SERVE MOLTO DI PIÙ DI UN SEMPLICE BALZO IN AVANTI…E QUESTO SARÀ IL TEMA DOMINANTE DEL 2024,QUANDO VEDREMO ANCORA LA FERRARI ARRANCARE NELLE POSIZIONI DI RINCALZO E CI CHIEDEREMO,ANCORA!! PERCHÉ…
SPERO CHE NON SIA VERO…!!!

I commenti sono disabilitati