Giulia e Stelvio restyling – Fari full led e motorizzazioni ibride!

Alfa Romeo è da sempre in guerra con calendari e scadenze ma la fusione con PSA sembra aver dato un colpo di frusta. Ad oggi abbiamo un’unica certezza: il Tonale arriverà nei concessionari a giugno del 2022. Invece, Stelvio e Giulia, uniche due vetture ad oggi in gamma, non hanno mai visto un restyling di metà carriera se non un sottile aggiornamento MY2020 che ha innalzato l’asticella della qualità ma non delle vendite. E’ per questo che il costruttore potrebbe anticipare l’uscita del restyling al 2021. Precedendo la presentazione del Tonale e il salone di Ginevra.

Giulia e Stelvio restyling

Un progetto del 2016

Figlia di un progetto sviluppato in 6 mesi l’Alfa Romeo Giulia è una delle vetture più chiacchierate di sempre. Metro di giudizio nella sua categoria ne è sempre uscita vincente nel confronto della dinamica di guida. Un’auto (specie se familiare) deve però soddisfare tutte le esigenze di un cliente, e su questo Giulia ha avuto non poche difficoltà. Mancava già da subito una variante station wagon, cosa che i tedeschi offrivano. Mancavano fari full led, un infotainment tecnologico, virtual cockpit,  tutti optional che anche costruttori coreani avevano a listino. E quando un’anno, nel 2017, dopo fu presentata la Stelvio vennero accontentati solo parte dei clienti, quelli che per necessità cercavano un’auto più capiente e all’occasione con la trazione su tutte e quattro le ruote.

Leggi anche: Alfa Romeo Giulia dei Carabinieri! Entriamo nella Pantera Italiana!

Nel 2020 ci si aspettava un vero “Giulia e Stelvio Restyling” ma complice le poche vendite e la pandemia quel che è arrivato è stato un bracciolo più corto per far spazio alla ricarica wireless e uno schermo centrale touch. Infotaiment che cambia completamente layout ma mantiene le stesse ed identiche funzioni. Non implementa quel che potrebbe essere un MyDNA con taratura personale delle sospensioni, dello sterzo e dell’ acceleratore, presente invece su BMW. La più grande delusione resta invece quella di non aver equipaggiato la vettura con fari full led e motorizzazioni ibride, già presenti su altre vetture FCA.

Giulia e Stelvio restyling

Restyling in arrivo

Il 2021 doveva essere l’anno in cui veniva ufficialmente presentata la versione definitiva del Tonale. I vertici STELLANTIS hanno però preferito ritardare (ancora) al 2022 la data di uscita per migliorare alcuni difetti estetici e parte delle prestazioni, simulate con CFD. Stando ad alcune parole del responsabile Alfa Romeo Tavares, sembra che entro fine anno verranno rilasciati i due più importanti restyling per Giulia e Stelvio. Inevitabile l’arrivo di fari full led e alcuni dettagli stilistici che verranno poi ripresi sul Tonale. Quel che è certo sono le motorizzazioni mild hybrid a 48 Volt che amplieranno la gamma a benzina.

Con ogni probabilità il 2.0L Turbo Benzina raggiungerà i 330 CV, numeri che oggi possiamo ben leggere sui listini Maserati con Levante. Non subiranno modifiche le motorizzazioni diesel che resteranno dalla 160 CV nella versione base, fino ai 210 CV dell’allestimento veloce con trazione integrale intelligente. La fusione con PSA è da poco iniziata e ci vorranno anni prima di tornare a vedere una gamma completa.

Nell’attesa del nuovo piano industriale non possiamo che immaginare quelli che saranno i futuri nuovi modelli. Un B-Suv ed una nuova Giulietta su base PSA per attrare nuovi e giovani clienti. Una nuova Giulia ed un nuovo Stelvio anche in versione full electric. Per poi completare la gamma con due vetture premium di segmento superiore pronte a dar fastidio a Mercedes GLE, Audi Q8, Mercedes Classe E e Audi A8. I sogni son desideri, auguriamoci di vedere almeno metà di questi entro il 2030. Non dimentichiamo che l’Italia dispone dei migliori tecnici ed ingegneri e se non ci credete vi invitiamo ad osservare con occhio razionale Giulia GTA e le svariate supercar italiane.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Alfa Romeo Tonale – Nuovo selettore di guida e tanta tecnologia!