GP Azerbaijan, Raikkonen sul secondo gradino di un podio inatteso

Il quarto gran premio della stagione si è concluso con un podio tutto inaspettato, soprattutto per il ferrarista Raikkonen. Azerbaijan Raikkonen 

Azerbaijan Raikkonen
Kimi Raikkonen sul podio GP Baku 2018 – Foto Ferrari

Quella di oggi a Baku è stata una gara a dir poco rocambolesca,;che al primo giro ha visto il finlandese coinvolto in un incidente con Esteban Ocon, alfiere della Force India. Il contatto ha fatto scivolare Raikkonen in fondo allo schieramento,;ma tra vari incidenti e safety car Kimi si è trovato a lottare per il podio nelle ultime fasi di gara e ha agguantato un secondo posto insperato,;in gran parte grazie al “suicidio” di Valtteri Bottas, al quale è scoppiata una gomma proprio all’ultimo.

Sulla prima parte di gara commenta: “L’inizio è stato difficile, ho avuto un contatto con Ocon subito dopo la partenza, non mi ha visto. Non è stato l’inizio ideale per me, poi ho avuto un po’ di fortuna a poter continuare la gara”. Riguardo il fattore fortuna il ferrarista continua: “non saprei, l’esplosione della gomma di Bottas ha avuto un peso. Io ho cercato di stare lontano dai problemi”. Sul contatto del primo giro con Ocon, invece, l’impressione a caldo è chiara: “io ero all’interno”- chiarisce Kimi- “lui mi è venuto addosso”.


Durante la gara molti piloti, tra cui anche Raikkonen,;hanno dichiarato di non riuscire a portare in temperatura le gomme. “Ho fatto molta fatica,;ma ho aspettato per vedere se gli altri avessero lo stesso problema e alla fine avevo ragione”, commenta il finlandese a proposito.

Nel complesso, dunque,;quella del ferrarista si è rivelata una buona gara, con qualche imprevisto tipico del circuito di Baku,;da cui il finlandese ottiene un risultato soddisfacente: “non è una vittoria, ma è pur sempre un secondo posto”.

mm

Martina Andreetta

Studentessa di lingue e comunicazione con una grande passione per il motorsport. Un giorno sogno di far parte di questo mondo.