GP d’Ungheria 1997: il quarto d’ora di celebrità della Arrows di Hill

Da pochi mesi Tony Blair era divenuto primo ministro, e pochi giorni dopo Lady Diana sarebbe scomparsa sotto il tunnel dell’Alma a Parigi.

ungheria arrows damon hill
Fonte unknown

In Formula Uno invece correva un altro inglese, che era campione del mondo in carica e si chiamava Damon Hill, figlio d’arte. Suo padre Graham aveva vinto due Mondiali nel 1962 e nel 1968, prima di perire in un incidente aereo col suo Piper nel 1975, quando Demon aveva solo 15 anni. Il 10 agosto di quel 1997 il figlio d’arte correva con una macchina diversa da quella con cui aveva vinto il titolo: liquidato dalla Williams che aveva promosso un altro figlio illustre, Jacques Villeneuve, Damon aveva trovato posto alla Arrows. Scuderia nata a fine anni Settanta, che aveva fatto esordire un certo Riccardo Patrese, e che in quegli anni Novanta aveva cambiato nome per iniziativa di tale Kazuo Ito, imprenditore giapponese che la fece sponsorizzare, e rinominare, Footwork Arrows. ungheria arrows damon hill

Hill alla Arrows nel 1997 (twitter @belmerobert)

Uscito di scena il buon nipponico, con pessimi risultati, Hill sale sulla vettura che ha ripreso la propria denominazione originale grazie all’intervento del nuovo team principal, David Walkinshaw, ex pilota, e in quell’estate in cui il suo successore e il grande Schumacher si contendono il titolo, a lui non resta che far la parte del comprimario. Ma nella Mitteleuropa, all’Hungaroring, quel weekend assolato pare essere fatto per lui. Terzo posto in griglia proprio dietro ai due contendenti, ma;partenza al fulmicotone che gli permette di sopravanzare Villeneuve e portarsi al;secondo posto, riuscendo a portarsi addirittura al comando quando l’altra Williams di Frentzen,;al 29° giro, mentre conduce la gara dopo il valzer dei pit-stop, fuma dal motore costringendo il pilota al ritiro.

Hill supera Schumacher al GP d’Ungheria 1997 (Twitter @F1 in the 1990s)

Il pomeriggio pare trasformarsi in un autentico trionfo. Hill, completata anche la seconda serie di rifornimenti, ha un vantaggio di ben 35 secondi sugli inseguitori. Con Schumacher in difficoltà, la Arrows è avviata a un clamoroso trionfo. Fino a quando, a pochi giri dal termine, nella più classica delle beffe, il cambio si blocca in terza e tutto il vantaggio accumulato viene dilapidato. Il ragazzino che gli ha rubato il sedile alla Williams, lo sopravanza, va in testa e vince la gara.

Siamo tutti annoiati senza i nostri sport preferiti, ma solo collaborando ANDRÀ TUTTO BENE.
Se non è indispensabile, RESTA A CASA!

Damon chiuderà comunque secondo, unico acuto della stagione. Il campione del mondo in carica metterà insieme la miseria di 7 punti, e quelli della scuderia saranno solo 9,;se si sommano gli altri due ottenuti dal compagno Pedro Paolo Diniz. L’anno successivo si trasferirà alla Jordan, dove andrà un po’ meglio: 34 punti finali e l’ultima vittoria della carriera colta in Belgio.

Seguici anche su Instagram

Leggi anche:
F1 | Hamilton nominato sportivo dell’anno

ungheria arrows damon hill ungheria arrows damon hill