F1 | GP Francia – Gara deludente per la Toro Rosso: “Un peccato viste le simulazioni”

Battuta d’arresto per la Toro Rosso questo weekend in Francia. Daniil Kvyat ha completato una buona rimonta dalla diciannovesima posizione, mentre un lungo in Curva 2 in partenza ha segnato la gara di Alexander Albon.

Toro Rosso Francia
Daniil Kvyat davanti alla McLaren di Lando Norris in gara. Foto: Scuderia Toro Rosso

Daniil Kvyat, Start P19, Fine P14 Toro Rosso

Daniil Kvyat, considerata la posizione di partenza, può dirsi soddisfatto della propria gara. Toro Rosso

“Penso che la gara non sia andata male oggi. Alla fine, abbiamo dato il massimo e ci siamo regalati belle battaglie in pista. Ho fatto una bella manovra all’esterno su Grosjean e, sul finale, ho anche avuto un piacevole duello con Alex: è stato piuttosto divertente! Non so cosa si potesse fare partendo più avanti sulla griglia senza la penalità, probabilmente avremmo lottato per la zona punti. Adesso, però, bisogna analizzare un po’ tutto e tornare più forti in Austria” ha dichiarato Daniil Kvyat., piuttosto amareggiato.

Alexander Albon, Start P11, Fine P15

Sensazioni diverse per Alexander Albon: la sua gara è stata compromessa da un lungo in Curva 2 in partenza.

“Sfortunatamente, la nostra gara è stata compromessa al primo giro: sono andato largo alla curva 2 e sono stato tagliato fuori. Non mi sono reso conto di quanta aderenza ci fosse all’esterno e ho perso diverse posizioni. Eravamo più veloci delle vetture davanti, ma abbiamo faticato a superarle perché c’era praticamente un trenino in zona DRS: così, ho passato gran parte della gara alle spalle di un’altra vettura. Oggi è un po’ mancato il ritmo, dobbiamo cercare di capire il perché e dove possiamo migliorare. Lottare con Dany è stato divertente, ma farlo fuori dalla zona punti non è quello che vogliamo” ha detto Alexander Albon, che aveva disputato una buona qualifica ieri concludendo in P11 a 40 millesimi dalla Q3.

Seguici su TelegramFacebookInstagramTwitter.

F1 | GP Francia, disastro Haas: “Eravamo senza speranze”

Emanuele Zullo

Sono un ragazzo di 14 anni e la mia passione per lo sport è immensa. Spero di coronare il mio sogno, diventare un giornalista sportivo.