GT World Challenge | Sintesi Gara 1 Misano: Vince la prima gara sprint del GTWC l’Audi #32 che beffa la Bentley di Panciatici e Gounon

Dopo le qualifiche svoltesi nella mattinata, le vetture del GTWC sono pronte a darsi battaglia nella prima delle 3 gare sprint in programma nella tappa di Misano. Neubauer sulla Lexus Tech 1 si prende la pole per Gara 1 e sarà lui a dover lottare per tenersi dietro tutti gli altri piloti a partire da Gounon. Gara 1 Misano GTWC

Gara 1 Misano GTWC

Primi 30 Minuti: Gara 1 Misano GTWC

Dopo le prime curve e la lotta accesa con la Bentley numero 107, Neubauer riesce a conservare la prima posizione e inizia a dettare il passo di questa gara. Nel frattempo primi problemi in pista. la Ferrari #52  si gira nel settore centrale ma  non sembrano esserci seri problemi e può continuare. Box per la Mercedes #6 di Rogalsky su cui i meccanici controllano i dischi dei freni dopo aver smontato la ruota anteriore sinistra. Ottima partenza anche di Tomita e Strolz che, tra i primi, sono gli unici a guadagnare posizioni. nello specifico guadagnano rispettivamente +1 e +3 posizioni dal via. Gara 1 Misano GTWC

Trascorsi circa 10 minuti dalla bandiera verde, le prime 2 vetture iniziano a distaccare gli inseguitori, continuando a duellare quasi in solitaria a circa 2 secondi abbondanti dagli inseguitori. Pla nel frattempo si trova marcato a vista dall’Audi del giapponese Tomita,; obbligandolo a forzare molto l’ingresso in ogni curva per non lasciare occasione di inserimento. Il distacco dai primi 2 è di circa 4 secondi ora. La lotta per il gradino più basso del podio è racchiusa in circa 1 decimo di secondo.

dopo 2 giri davvero spinti, la vettura #107 si piazza a soli 0,114 secondi dal leader e facendosi vedere aggressiva negli specchietti di Neubauer. Nel frattempo, alle spalle di Tomita si crea un trenino di vetture per la lotta alla sesta piazza. La Mercedes #89 commette un errore in ingresso in curva 13 e lascia uno spazio davvero largo; perdendo così 2 posizioni a vantaggio delle Audi #31 e #32.

a 10 minuti dalla fine della prima metà di gara, i due piloti che dettano il passo continuano a non voler mostrare segni di cedimento e a mantenere un passo gara davvero costante. Il distacco tra di loro è ora di mezzo secondo mentre alle loro spalle gli inseguitori sono a 7 secondi.

35 minuti alla fine e si apre la finestra dei pit stop e subito molte vetture scelgono di effettuare subito la loro sosta.

Ultimi 30 Minuti:

Un giro dopo l”apertura della pit line la Lotus leader si ferma ai box. La Bentley #107, che tenta l’overcut, si trova imbottigliata nel traffico prima della sosta. L’unica speranza è che anche il diretto avversario si trovi imbottigliato in qualche doppiaggio per recuperare il tempo perso.

nel frattempo le vettura #15 effettua una sosta molto lunga uscendo nelle in P20. Caos tra le vetture attorno alla Mercedes #89 che, trovandosi fortemente ostacolate, devono faticare molto per passarla e finiscono anche fuori i limiti di pista. Ora ci sono circa 6 vetture alle spalle di Hites che cercano assiduamente di strappagli la P6.

A 20 minuti dalla fine Hites viene toccato al posteriore e si gira nel mezzo della pista. Questo gli costa ben 7 posizioni e viene dato FULL COURSE YELLOW dato che si trova bloccata in pista con la posteriore destra distrutta dall’Audi #33 che ad alta velocità la colpisce in pieno.

a 15 minuti dalla fine entra in pista la SAFETY CAR. Continuano intanto le attività di pulizia della pista dai detriti generati dall’urto tra le vetture #89 e #33.

10 minuti sul cronometro quando viene nuovamente data bandiera verde con una serrata ripartenza. Vanthoor pressa forte il leader e ottiene la testa della gara con i leader che si vede passato da 2 vetture. Van Der Linde ottiene la P2 a 5 minuti dal termine.

Classifica Finale:

 

Per rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie dal mondo Endurance e GT, seguici sul canale Telegram dedicato.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

GT World Challenge | Sintesi Qualifiche Misano: Neubauer batte i Pro, Marciello in pole per Gara 2

mm

Matteo Quattrocchi

Studente presso L’Università degli Studi di Pavia, fotografo sportivo e appassionato di motori da sempre.