Hamilton e Vergne: quando essere è più importante che vincere

Ispirandosi a Lewis Hamilton, il campione in carica di Formula E Jean-Eric Vergne afferma di voler sensibilizzare le masse sui problemi dell’ambiente oltre che a vincere e invita il campione inglese ad unirsi alla categoria full-electric.

Foto: : Mark Thompson/Getty Images North America

“Nelle corse si può fare molto di più che vincere”. Così il vecchio Hudson Hornet recitava nel celebre film di animazione ‘Cars’. In effetti, nel corso della storia tanti episodi hanno insegnato che oltre alle vittorie si viene ricordati anche per il proprio modo di correre, metafora del proprio approccio alla vita. Hamilton Vergne

Ed è così che a decine di anni di distanza personaggi come Gilles Villeneuve vengono ricordati con nostalgia per il proprio stile di guida unico, nonostante non abbiano conquistato nemmeno un titolo mondiale.
Oppure uomini come Niki Lauda, capaci prima di tornare in pista dopo un incidente che poteva rivelarsi fatale e poi audaci nel ritirarsi da una corsa per le condizioni meteo avverse, anteponendo la propria vita ad un titolo mondiale.

Jean Eric Vergne invece, campione in carica della Formula E, oltre alla vittoria si pone come obiettivo quello di diffondere la mobilità pulita.
Il surriscaldamento globale è una delle problematiche principali del terzo millennio. La Formula E si batte per promuovere per uno stile di vita più sostenibile e il suo campione in carica vuole esserne il testimonial.
In una recente intervista esclusiva rilasciata a Motorsport.com, il campione francese ha dichiarato:

“Adesso credo di volere di più che vincere semplicemente. Voglio essere un pilota migliore, ma ancora di più una persona migliore. In Formula E abbiamo l’opportunità di fare molto di più che correre: essere ecologici non solo in pista, ma anche fuori e dobbiamo mandare un messaggio.
Nella situazione in cui mi trovo posso fare di più che vincere solo delle gare e questo è ciò che amo”.

Il parallelismo con Lewis Hamilton

Uno dei piloti più attivi nella sensibilizzazione circa le criticità dell’ambiente è Lewis Hamilton.
Proseguendo nell’intervista, Vergne ha commentato così l’operato del campione inglese:

“Ad essere onesto, due anni fa sarei stato in disaccordo con quanto avesse detto, ma oggi ho una maggiore consapevolezza grazie alle persone come lui e a molti altri atleti al mondo che stanno dicendo essenzialmente le stesse cose.
Concordo al 100% con lui e voglio fare di più in Formula E, unendomi a lui per mostrare che non è l’unico a dar voce ai suoi pensieri”.

Jean-Eric Vergne, Credit: ABB Formula E

“Ha persino venduto il suo jet e probabilmente è molto più consapevole dei problemi che stiamo affrontando come esseri umani. E’ probabile che riceva molte critiche poiché corre con un’auto a benzina generando molto più inquinamento che in qualsiasi altro sport al mondo.
Ed è per questo che credo che sarebbe una mossa logica per lui venire in Formula E, per essere molto di più che un semplice pilota da corsa, più che essere ricordato solamente come il più grande pilota di tutti i tempi, ma cambiare la mentalità delle persone e inspirare le nuove generazioni”.

“La generazione più giovane ha bisogno di crescere con i valori che insegniamo loro, esattamente quello che ha fatto Lewis.
Ho tanto da apprendere dai piloti come lui e dal modo in cui si approcciano alle cose. Non provano più a vincere, bensì ad essere delle persone e dei ragazzi migliori in generale, nella loro vita privata, dentro al team e in pista”.

Vergne invita Hamilton a provare la propria monoposto

Jean Eric Vergne ha quindi ribadito il messaggio sul proprio account Instagram.

“Adesso è tempo di cambiare la nostra visione e accettare che dobbiamo fare tutti la nostra parte, nelle nostre possibilità, per il bene del pianeta”.

Ph: Angelo Balzaretti per F1ingenerale.com

Recentemente Toto Wolff ha dichiarato che non ci sarebbero problemi nel caso Hamilton volesse provare la Mercedes Formula E. Vergne ha quindi esteso l’invito per il campione inglese anche a guidare la sua DS Techeetah con qui ha vinto il campionato nella season 5.

“Caro Lewis Hamilton, so che Toto [Wolff, ndr] ti ha già offerto di provare la loro macchina, ma sarei più che felice di permetterti di provare la mia auto che ha vinto il campionato!”.

Solo il futuro potrà dire se anche altri piloti si faranno voce delle problematiche ambientaliste e se Lewis Hamilton correrà mai in Formula E.

Seguici anche su Telegram

Formula E | L’analisi grafica dei test di Valencia

Condividi

Nato e cresciuto a Torino, studio ingegneria dell'Autoveicolo nel Politecnico della mia città. Ho una grande passione per il motorsport in tutte le sue forme che mi piace trasmettere negli articoli. Ho lavorato nella Squadra Corse della mia università con la speranza un giorno di entrare in Formula 1.

Disqus Comments Loading...

Articoli Recenti

“Le Mans 66” e l’avvento di Ford nell’Endurance

Uscito il 14 novembre nelle sale di tutta Italia, la pellicola diretta da James Mangold ricalca la gloriosa sfida tra…

9 ore fa

Red Bull velocissima in rettilineo? La spiegazione di Horner

Secondo il team principal Red Bull e il direttore tecnico Honda, la grande velocità in rettilineo che la RB15 ha…

11 ore fa

Formula E | Venturi conferma Arthur Leclerc e Norman Nato per lo sviluppo della vettura

In una Formula E dove i simulatori rivestono un ruolo sempre più importante, Venturi conferma Leclerc e Nato come development…

11 ore fa

Formula E | Diriyah E-Prix- La BMW si dice pronta

C’è grande fermento tra i ranghi BMW per l’inizio della 6°stagione di Formula E. Il team tedesco, forte di una…

13 ore fa

Dream Race | Audi e BMW sfidano i giapponesi a casa loro

Questo fine settimana sullo storico circuito del Fuji andrà in scena la Dream Race in cui quattro Audi RS 5…

13 ore fa

F1 | Ocon con Renault già dai test di Abu Dhabi

Esteban Ocon e la Renault hanno avuto il via libera dalla Mercedes, che permette al pilota francese di partecipare ai…

14 ore fa

Questo sito si serve dei cookie di per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico.