A TCFormula 1Interviste

Quando la Ferrari tornerà a vincere il mondiale? Parla il CEO della F1

Stefano Domenicali ha provato a dare una risposta sul quando la Ferrari spezzerà il digiuno iridato e tornerà finalmente a vincere un mondiale che manca ormai dal lontano 2008.

Sono passati quindici anni esatti dall’ultimo titolo costruttori vinto da Ferrari, vinto proprio con Stefano Domenicali al timone della scuderia dopo l’addio di Jean Todt a fine 2007. Da allora, Ferrari è andata più volte vicina a spezzare la maledizione, soprattutto con Fernando Alonso nel 2010 e 2012, senza però mai centrare il bersaglio grosso. Interpellato sulla questione, il manager Imolese, oggi CEO della Formula 1, ha provato a dare una risposta.

Domenicali Ferrari mondiale
Ferrari senza mondiale dal 2008, la risposta di Domenicali © F1

Ferrari, quando la maledizione iridata sarà spezzata?

”Questa è una domanda a cui non posso rispondere per il ruolo”, ha esordito il CEO in modo schivo, ospite della trasmissione ”la Politica nel Pallone”.

”Ovviamente, da tifoso, non posso che essere per la Ferrari, per quello che ho vissuto nei miei 23 anni fino al 2014. Mi auguro presto, perché sicuramente è un qualcosa che tutti quanti vogliono”.

Dopo aver preso il posto di Jean Todt a fine 2007, Domenicali ha lasciato il ruolo di team principal nell’Aprile 2014, complice anche il fallimentare progetto della F14-T, dicendo addio alla scuderia di Maranello dopo 23 anni di onorato servizio.

Nonostante siano passati ormai quasi dieci anni dalla separazione, il 58enne imolese è ovviamente ancora molto legato al marchio Ferrari, a maggior ragione considerando le difficoltà nel tenere testa a due team come Mercedes e Red Bull, le quali, negli ultimi tredici anni, hanno letteralmente monopolizzato la Formula 1.


Leggi anche: F1 | Incidente Schumacher, l’ex manager “non ha più alcuna speranza di rivederlo”


”È chiaro che oggi la competizione è diversa”, aggiunge Domenicali. ”É una competizione più serrata, però non sta a me per rispetto cercare di commentare quella che è la situazione a Maranello. L’augurio è quello di vederlo il prima possibile”.

Spezzare la maledizione è l’obiettivo numero uno per Frederic Vasseur, ovvero l’uomo incaricato, a partire dallo scorso Gennaio in seguito all’addio di Mattia Binotto, di riportare il cavallino davanti a tutti e nel ruolo che merita.

Cercare di farlo già nel 2024 sarà difficile, considerando l’enorme vantaggio tecnico di Red Bull, ma il francese ha già posto basi solide su cui costruire, e si spera che la scalata possa essere compiuta nel minor tempo possibile.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter