Il gruppo Hyundai mette un punto allo sviluppo di motori endotermici

Il gruppo Hyundai ha deciso di fermare lo sviluppo di motori endotermici per dare totale attenzione allo studio di propulsori elettrici

gruppo Hyundai

Si parla tanto delle tempistiche del passaggio ad una mobilità totalmente elettrica, e tutte le case, chi più chi meno sta cercando di accelerare i tempi e spingere sempre di più verso questa direzione. Il gruppo Hyundai Motor (che comprende i marchi Hyundai e Kia) si avvicina alla conversione della produzione di vetture solamente elettriche. Secondo delle indiscrezioni provenienti direttamente dalla Corea del Sud, il gruppo coreano dovrebbe dire stop allo sviluppo di futuri motori termici, con una vera a propria chiusura dei dipartimenti di ricerca. Ciò comporterà una riorganizzazione del quartier generale di ricerca e sviluppo sito a Namyang e che conta 3,3 milioni di metri quadrati e 12.000 dipendenti. Il gruppo ha posto alla base di questa scelta l’obiettivo di non lanciare più modelli ad alimentazione tradizionale.

Dalla ristrutturazione sono nate ulteriori unità operative come la Battery Development Center. Inoltre i coreani si sono concentrati anche sulla riorganizzazione del lavoro in fabbrica. Ad esempio tra i vari reparti sono stati abbattuti i muri permettendo una comunicazione più efficiente riducendo i tempi di sviluppo dei mezzi a batteria.  A livello di organico, si è cercato di  eliminare quanto più possibile i livelli gerarchici accelerando i processi decisionali e favorendo la condivisione dei risultati .

Oggi l’attenzione è rivolta verso i programmi che hanno al loro centro lo sviluppo di vetture elettrificate e delle loro componenti. Tra questi l’Electrification Development Team ha sostituito il Powertrain Team. Quest’ultimo si occuperà della ricerca e dello sviluppo di veicoli elettrici.

Lewis Hamilton in linea con la sua etica: venduta la Pagani Zonda

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Raffaella Pappa

Studentessa di Giurisprudenza presso LUISS Guido Carli, amante dei motori e responsabile della redazione Automotive di F1ingenerale