Formula 1Interviste

F1 | FIA “vittima di fughe di notizie maligne”: Ben Sulayem esce la testa dal sacco

Dopo essere stato scagionato dalle accuse, il presidente FIA Mohammed Ben Sulayem ha risposto alle critiche piovutegli addosso negli ultimi tempi.

Archiviate le accuse, Mohammed Ben Sulayem passa al contrattacco. Dopo essere stato messo sotto investigazione da parte dello stesso comitato etico FIA, in merito alla presunta interferenza con il risultato del GP di Jeddah dello corso anno e non solo, e dopo essere stato scagionato dalle accuse 30 giorni dopo, il presidente emiratino ha risposto alle critiche piovutegli addosso negli ultimi tempi.

Ben Sulayem FIA
FIA “vittima di fughe di notizie maligne”: Ben Sulayem risponde alle critiche @there_is_no_if on X

In una lettera inviata ai membri della federazione, e pubblicata dall’agenzia di stampa AP, il nativo di Dubai ha commentato così i recenti avvenimenti e gli attacchi alla sua condotta come presidente: ”La FIA è stata vittima di fughe di notizie maligne su informazioni riservate e sensibili, che hanno offuscato la nostra reputazione e causato preoccupazione tra i nostri membri”.

“Tuttavia, nonostante questi attacchi rivolti alla mia persona e alla nostra organizzazione nel suo complesso, ne siamo usciti più forti e risoluti che mai. Sappiamo che l’obiettivo finale di questi atti riprovevoli era quello di prendere di mira me e di indebolire l’essenza stessa della FIA”.


Leggi anche: F1 | Leclerc, il motivo dietro al pessimo risultato nelle qualifiche in Australia


Se Ben Sulayem ne è uscito pulito dall’indagine condotta per quanto concerne i fatti di Jeddah e Las Vegas 2023, i dubbi sulla sua figura restano, alla luce anche della recente denuncia penale presentata da Susie Wolff in merito alle dichiarazioni fatte proprio dalla FIA lo scorso Dicembre.

Ciononostante, Peter Bayer, che ha lavorato per la federazione fino allo scorso anno, ha esortato il paddock ad avere fiducia nell’organo di governo: “È lo stesso quando abbiamo una decisione dei commissari sportivi o altre volte. Le decisioni possono non piacerci, ma alla fine dobbiamo essere soddisfatti del processo”.

“Si tratta di un organismo indipendente, guidato dal presidente del Comitato Etico, Francois Bellanger. Hanno le loro conclusioni indipendenti, e poiché il Presidente stesso era preoccupato, erano loro a doversi occupare della questione. Quindi, ancora una volta, penso che dobbiamo avere fiducia. Hanno rilasciato una dichiarazione”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.