Altre categorieEnduranceIMSA

IMSA | 24 ore di Daytona 2024: segui la gara in diretta streaming

La 24 ore di Daytona 2024 è ai nastri di partenza: ecco come seguire la maratona in diretta streaming TV e radio

La 24 ore di Daytona 2024 è ormai ai nastri di partenza, la prima grande gara Endurance dell’anno scatterà stasera alle 19:40. Ai nastri di partenza della gara regina dell’IMSA ci sono 59 vetture, scopriamo come seguire la gara in diretta streaming, e come seguire gli ultimi aggiornamenti sulla 62ª edizione.

24 Ore di Daytona 2024 – Gli orari TV e streaming


Leggi anche:


Come seguire la 24 ore di Daytona 2024

La 24 ore di Daytona 2024 è visibile in Italia in diretta streaming gratuita, con il commento inglese di Radio Le Mans, su IMSA.TV. La diretta scatterà dalle 19.35, con la bandiera verde prevista per le 19.40.

[Diretta streaming 24 ore di Daytona 2024]

Su questo sito è necessario accettare i cookie e disabilitare adblock e antitracciamento, e sono disponibili anche gli onboard di un gruppo selezionato di auto.

IMSA Radio fornisce lo stesso feed TV, e si può anche ascoltare il canale audio su Radio Le Mans 2.

Per seguire al meglio la gara è meglio sfruttare il live timing, a questo indirizzooppure nella versione fornita da PitNotes.

Il canale YouTube Sports Car Racing TV sarà in diretta nelle seguenti fasce orarie: 19:00-0:00, 11:00-13:00,17:00-20:00, con la radiocronaca in Italiano e la presenza di numerosi ospiti.

Infine, per seguire al meglio gli ultimi aggiornamenti e i risultati, vi invitiamo a seguire il nostro canale Telegram dedicato all’Endurance, e a seguire gli ultimi articoli dai link in basso.

IMSA 24 ore di Daytona 2024 Cadillac diretta streaming
Immagini IMSA

59 al via, una griglia ricca di campioni

Al Daytona International Speedway si prova ormai dalla scorsa settimana, quella dei test ROAR, con la griglia decisa dalle qualifiche la scorsa domenica. La sensazione che si vive è quella di un equilibrio assai delicato nelle varie classi, riassumiamo quindi in breve gli avvenimenti degli scorsi 10 giorni.

Leggi il resoconto delle qualifiche

Rimani aggiornato su tutte le notizie dal mondo Endurance e GT seguendoci sul canale Telegram dedicato.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter


GTP: Cadillac fa il leone, Porsche si nasconde?

Le 10 auto al via in GTP lotteranno per la vittoria assoluta, e finora la parte della lepre è stata svolta da Cadillac: pole position e prima fila, con record assoluto ad opera di Derani, l’esperienza di Chip Ganassi e Action Express, il talento di campioni come Alex Palou, Scott Dixon, Bourdais, Blomqvist e Aitken, e fin qui una buona affidabilità nelle gare lunghe. La V-Series.R ha dominato tutte le sessioni di prove libere, e fin qui non sembra avere punti deboli.

Porsche con le sue quattro 963 non può essere sottovalutata: oltre al talento dei suoi piloti, con l’aggiunta di Josef Newgarden in Penske e Romain Dumas in IMSA,è la casa con più auto, due ufficiali Penske, e quelle private di Proton e JDC-Miller, e ha fatto un notevole salto di qualità nella seconda metà del 2023, al punto da far pensare che finora non abbiano mostrato affatto il loro potenziale.

[Entry list completa 24 ore di Daytona 2024]

BMW con la sua M Hybrid V8 è il joker della gara: il 2023 della auto schierate da RLL è stato duro, ma il lavoro invernale, con il Team WRT in Europa pronto a debuttare nel WEC, potrebbe aver pagato. Aspettiamo però riscontri precisi in gara su affidabilità e prestazioni.


WEC | BMW conferma l’equipaggio per il 2024: Marciello insieme a Vanthoor e Wittmann


Acura, campione in carica della Rolex 24 con la sua ARX-06, schiera due auto con WTR Andretti. Malgrado i nomi di grido,da Albuquerque passando per Marcus Ericcson, per trovare poi Colton Herta e Jenson Button, al via qui prima del debutto nel WEC, si respira aria di disfattismo. Il BoP, con 40 kg su Cadillac e BMW e 20 sulle Porsche, non è certo favorevole, e sebbene la ARX-06 avesse dominato l’anno scorso, pur considerando lo scandalo delle pressioni con Meyer Shank Racing, quest’anno forse gli avversari sono più vicini, e finora il potenziale del V6 Honda non si è visto affatto.

24 ore di Daytona Orari TV
Immagini Ferrari Media Center – Con 35 GT3 in pista e le nuove Corvette Z06 e Ford Mustang, l’attenzione è anche sulle GT

GTD e GTD-PRO, chi vincerà?

Con 35 GT3 al via tra GTD e GTD-PRO, è molto difficile scegliere un favorito. Ricordiamo che tutte le auto condividono lo stesso regolamento tecnico e lo stesso balance of performance, la differenza tra le due classi la fa quindi la squadra in pit lane e i piloti, che devono essere quattro in GTD, con almeno un silver e massimo un platinum, mentre in GTD-PRO sono liberi.

Ill BoP pubblicato questa settimana è stato argomento di critiche, con la Lexus mantenuta come riferimento fissoaumenti di potenza per Acura, BMW e Mercedes, aumenti di peso per Ferrari, Ford, Lamborghini e Porsche, e meno zavorra per Aston Martin, Acura, McLaren e Mercedes.

La situazione comunque sembra vedere le due Lexus in GTD-PRO e GTD tra le favorite, assieme alle cinque Ferrari, Lamborghini e Porsche, con buone speranze anche per le nuove Corvette Z06 GT3.R e Ford Mustang GT3. Sulla Ford in particolare ci sono ottime sensazioni, è ritenuta una macchina molto facile da guidare, mentre Corvette ha scontato alcuni problemi ai motori e di affidabilità elettronica in queste due settimane.

La forte presenza di piloti ufficiali, e il sostegno delle case favorirà una gara interessante, ma fino al via sarà difficile giudicare le prestazioni. Di nota è però la performance della Acura #66 Gradient, unica Acura, e uno dei due equipaggi prevalentemente femminili, assieme alla Lamborghini #83 Iron Dames. Legge, Monk, Calderon e McAleer si trovano bene sulla vettura assemblata dall’italiana JAS, e sono stati spesso in cima alla classifica.

IMSA 24 ore di Daytona 2024 orari streaming diretta United #2
Immagini IMSA – Con Ben Keating e Pato O’Ward tra i piloti, la #2 United è tra le favorite e scatta in pole

LMP2, uno sguardo sulla classe cadetta

Cadetta a chi? Verrebbe da dire per la LMP2. Con l’obbligo di un pilota amatore bronze, la classe è cresciuta dal 2023, complice l’abolizione delle LMP3 in IMSA; piloti e squadre presenti non hanno nulla da invidiare ai campionati europei.

Parliamo di Ferdinand Habsburg e Scott McLaughlin sulla #8 Tower Starworks, o anche dei piloti ufficiali Ferrari in AF Corse, Kyffin Simpson e James Allen sulla #81 Dragonspeed, Pietro Fittipaldi sulla #52 Inter Europol, Felipe Fraga e Felipe Massa sulla #74 Riley, il giovane e talentuoso pilota Peugeot Malthe Jakobsen sulla #04 Crodstrike APR, e infine i pezzi da 90 di United Autosport, con la #2 che vedrà Ben Keating, Nico Pino, Ben Hanley e Pato O’Ward, mentre sulla #22 saliranno anche Paul Di Resta e Felix Rosenqvist.

Ben Keating sarà inoltre al via della Porsche #85 JDC-Miller, il primo amatore a salire su un’auto di classe Hypercar: dovrà guidare non meno di 6 ore e mezzo tra le due auto secondo il regolamento, ma non è la prima volta che lo fa. Nel 2022 con JDC-Miller ha raggiunto il podio assoluto a Daytona, quest’anno parte in pole in LMP2, suo il giro che è valso la partenza dal palo in qualifica.

Ferrari alla 24 ore di Daytona 2024
Immagini: Ferrari Media Center

Piloti e squadre italiane a Daytona

Le squadre italiane o con piloti italiani sono tante nelle due classi: a partire dalle due Lamborghini #19 e #60 Iron Lynx in GTD-PRO, con Mirko Bortolotti, Andrea Caldarelli, Matteo Cressoni, Claudio Schiavoni e Matteo Cairoli e dalla Ferrari #62 Risi Competizione, con Alessandro Pier Guidi e Davide Rigon.

Passando in GTD troviamo la Ferrari CETILAR Racing #47, con il quartetto Lacorte/Sernagiotto/Cheever/Fuoco, e poi Alessandro Balzan sulla #34 Conquest Racing, Alessio Rovera e Riccardo Agostini sulla #23 Triarsi, Loris Spinelli sulla #78 Forte Racing, Gianmarco Levorato sulla Ford #55 Proton.

F1 Academy | Nuovo acquisto in casa Mercedes, entra Doriane Pin

Ai team citati dobbiamo infine aggiungere la #88 AF Corse in LMP2, con i piloti ufficiali Ferrari Nicklas Nielsen e Lilou Wadoux assieme a Mathieu Vaxiviere, pilota Hypercar Alpine, e il quartetto delle Iron Dames, con Rahel Frey, Michelle Gatting, Sarah Bovy e la neo-Mercedes F1 Academy Doriane Pin, pronte a rifarsi dopo una Petit Le Mans amara, ma con gran potenziale.

Copertina: Immagini IMSA

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.