IMSA | Ecco la entry list della 12 Ore di Sebring 2021

Dopo essere stata finale di stagione per il calendario 2020 IMSA modificato dalla pandemia, la 12 Ore di Sebring torna alla sua tradizionale data di marzo come secondo evento del calendario 2021. Quest’anno segna la 69esima edizione della storica gara: vediamo chi sarà al via! Sebring entry list

sebring entry list

DPi sebring entry list

Nella classe regina del campionato americano, che conta sette vetture sulla griglia di partenza, la parola d’ordine è qualità. Anche in questa occasione competeranno infatti i nomi più importanti delle ruote coperte.

Dopo il secondo posto in quella che doveva essere un’apparizione una tantum alla 24 Ore di Daytona, la Ally Cadillac Racing e il suo equipaggio tornano per competere nell’intera Endurance Cup. La formazione di piloti per Sebring comprende il sette volte campione della NASCAR Cup Series Jimmie Johnson, il vincitore della 500 Miglia di Indianapolis 2019 Simon Pagenaud e il campione del WEC Kamui Kobayashi.

LMP2

In classe LMP2, gli occhi sono puntati sui sempre inappuntabili United Autosports e, naturalmente, sui vincitori della passata edizione, PR1 Mathiasen. Mikkel Jensen, l’anno scorso arrivato secondo proprio ai danni dell’equipaggio PR1, competerà con loro in questa edizione.

WEC | Peugeot a pieno regime: Duval e Di Resta già in fabbrica!

LMP3

La classe minore dei prototipi è al debutto anche a Sebring, dopo un arrivo decisamente controverso a Daytona. Le vetture LMP3, solitamente affidate a gentlemen drivers, sono spesso risultate più lente in pista delle più potenti (e meglio guidate) GTLM e perfino GTD. Su una griglia più ristretta come quella di Sebring, forse, questa problematica non sortirà lo stesso effetto negativo: abbiamo in pista appena 6 LMP3, affidate prevalentemente a piloti statunitensi con la significativa eccezione del 2 volte vincitore in GT Bleekemolen.

GTLM

Piuttosto sfornita la classe delle GTLM, ormai sul viale del tramonto alla luce della prossima sostituzione con la classe GTD Pro. Solo cinque le vetture in pista (Corvette, BMW e Porsche).

Nick Tandy entra come il tre volte campione (in carica) della 12 Ore di Sebring nella classe GTLM, ma le vittorie sono arrivate con Porsche. Tandy ora guida per Corvette Racing, che non ha più vinto questa gara dopo aver completato una tripletta nel 2017.

GTD

La classe GT più popolosa dell’IMSA si conferma ancora una delle più agguerrite, nonostante la mancanza di molti importanti nomi europei. Tornano in pista, questa volta con Porsche, Christina Nielsen e Katherine Legge in un equipaggio ancora al femminile. La Nielsen, vincitrice in classe GTD nel 2016, può avere buone speranze di di replicare il successo con Porsche, il costruttore a propria volte più forte e influente in America.

La casa di Stoccarda, infatti, ha totalizzato ben 98 vittorie di classe nell’Endurance oltreoceano, più della somma delle vittorie di ogni altro costruttore.

L’entry list completa è reperibile a questo link. Rimani aggiornato su tutte le notizie dal mondo Endurance e GT seguendoci sul canale Telegram dedicato.


 

mm

Aurora Dell'Agli

Classe 1997, studentessa di Giurisprudenza. Coordino la redazione Endurance e GT, spesso direttamente dalla pista.