IMSA | Gran premio di Mosport: seconda doppietta Mazda!

Nuova doppietta in IMSA per le Mazda a Mosport, dopo una gara dominata. Quinta vittoria consecutiva per la Porsche in GTLM.

IMSA Mosport Mazda
Immagini Mazda Racing

Dopo la trionfale vittoria a Watkins Glen, le Mazda conquistano una nuova doppietta in IMSA a Mosport, stavolta con la #77 di Jarvis-Nunez sul gradino più alto del podio.

La Acura #7 di Castroneves-Taylor era partita in pole, dopo che la #54 Nissan era stata costretta al fondo della griglia a causa del cambio di pilota dalle qualifiche, che avevano dominato. Tuttavia la macchina del team Penske ha sofferto una foratura nella prima parte di gara, da cui ha recuperato fino alla quinta posizione.

Il passo gara delle Mazda, già mostrato nel warm-up, si è rivelato ancora una volta imbattibile, e il team Joest ha gestito ottimamente la gara, eccetto per la #55 di Tincknell-Bomarito, che nell’ultimo giro di pit stop ha avuto un problema con il cambio gomma e i cavalletti pneumatici.

Un incidente della #50 Juncos ha interrotto la gara a 17 minuti dalla fine. La vettura è uscita di pista e si è ribaltata contro le barriere in curva 2. Franzoni è cosciente ed è in ospedale per i normali controlli.

Dopo la bandiera rossa Pipo Derani sulla Cadillac #31 è partito all’attacco delle due Acura, in terza e quarta posizione, riuscendo con un bellissimo sorpasso nel traffico a avere la meglio di Taylor sulla #7, insidiando poi per un po’ senza successo la #6 di Cameron.

Nel frattempo la #54 Nissan e la #5 MSR Cadillac si sono toccate, con la Nissan finita in testacoda (7a alla bandiera a scacchi) e la Cadillac di Alburquerque si ritirava dopo meno di un giro.

I problemi dalla #38 Performance Tech hanno deciso la gara LMP2, con la #52 PR1 che conquista la vittoria.

GTLM: lotta Porsche – BMW, ma vittoria del duo Bamthoor

Immagini Porsche Motorsports NA

In GTLM, nuova vittoria per la Porsche, la quinta di fila, questa volta con la #912 del popolare duo Bamber-Vanthoor. Quest’ultimo nel primo stint è passato da quinto a terzo, passando la BMW #25 e la Ford #67. Al primo giro pit stop, grazie a una sosta anticipata rispetto alla BMW #24 di Krohn, partito in pole, e ai tempi consistenti di Bamber, la #912 è passata in testa, riuscendo a mantenerla contro Edwards sulla #24 nonostante la bandiera rossa nel finale. La #912 adesso è nuovamente leader in classifica.

Il terzo gradino del podio è stato combattuto tra la BMW #25 di De Phillippi e la #911 di Tandy. A 35 minuti dalla fine la BMW è riuscita a passare la Porsche, salvo poi cedere prima della bandiera rossa, non riuscendo poi a contrattaccare e venendo quasi superato dalla Ford #67. Gara senza emozioni sia per le Ford che le Corvette, che occupano in questo ordine le ultime quattro posizioni.

GTD: il ritorno della BMW del Turner Motorsports

Dopo la squalifica a Detroit la BMW #96 del Turner Motorsports ottiene finalmente una vittoria. Partiti dalla pole, il duo Foley-Auberlan è stato quasi incontrastato, salvo nella prima parte di gara da parte della Acura #86.

Quest’ultima con, Farnbacher-Hindman è poi finita seconda, davanti alla #12 Lexus AIM Vasser.

Seguici su Telegram

Francesco Ghiloni

Studente e grande appassionato di motorsport, specialmente di endurance.