IMSA | Magnussen si diverte sulla Cadillac: “Una vera auto da corsa, F1 attuale senza anima”

Kevin Magnussen è impegnato alla 24 ore di Daytona, prima tappa della sua carriera in IMSA. Dopo il primo test Magnussen, entusiasta della sua nuova vettura, non ha risparmiato una frecciatina alla F1.

IMSA Magnussen
Foto: Chip Ganassi Racing

Dopo sei stagioni in Formula 1 Kevin Magnussen si è trasferito oltreoceano verso le gare Endurance, seguendo le orme del padre Jan. IMSA Magnussen

Kevin ha debuttato questo fine settimana al volante della Cadillac 01 del team Chip Ganassi in un test a Daytona in preparazione alla 24 ore.

Magnussen ha trascorso sei annate nella massima categoria automobilista, correndo per McLaren, Renault e Haas. Il pilota danese salì sul podio al suo esordio in Australia nel 2014, per poi trascorrere il resto della sua esperienza in F1 nelle posizioni di medio-bassa classifica.

Magnussen denuncia una mancanza di anima per quanto riguarda la F1: “Fondamentalmente ho guidato un aereo negli ultimi sei/sette anni. Il che è fantastico: guidare un’auto di F1 è molto divertente, ma manca un po’ di anima. Manca qualcosa. La F1 ce l’aveva, ma tornare indietro e guidare la Cadillac DPi è stato un vero spettacolo, mi ha aperto gli occhi. Il suono e il modo in cui il motore risponde, anche il circuito. Sebring, non c’è niente di più old school di così. È come un sogno che si avvera.” ha dichiarato a Racer.

D’altro canto si è divertito molto e si è goduto i primi chilometri nel suo nuovo bolide: “È andato tutto liscio. Ho avuto davvero una buona giornata in macchina. La squadra è stata fantastica nell’aiutarmi ad abituarmi a tutto. Tutto quello che vedo qui è nuovo per me. L’intera macchina, ovviamente, ma anche il linguaggio usato per parlare dell’auto, tutti i sistemi, dal punto di vista del set-up anche. Mi sono sentito subito a casa. È stato fantastico guidare di nuovo una vera macchina da corsa”.

“Ogni volta che ho toccato l’acceleratore, mi veniva la pelle d’oca. È qui che è iniziata la passione. Viene da cose come il sound, l’odore e l’aspetto. Di questo si tratta. Mi sono perso e non mi sono reso conto di quanto mi mancasse finché non sono sceso dalla macchina. L’erogazione della coppia è così semplice. Tocchi l’acceleratore e risponde immediatamente, nessun ritardo. Fa quello che vuoi.” conclude Magnussen.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Rimani aggiornato su tutte le notizie dal mondo Endurance e GT seguendoci sul canale Telegram dedicato.

WEC | Richard Mille entra nel campionato: Florsch-Calderon-Visser al volante

Emanuele Zullo

Classe 2005, vivo a Napoli dove frequento il liceo linguistico. Adoro qualsiasi cosa abbia quattro ruote e spero di trasformare la mia passione in lavoro.