IMSA | Porsche abbandona il programma GT al termine del 2020

La pandemia del Coronavirus inizia a far sentire le prime conseguenze. Porsche abbandonerà l’IMSA al termine del 2020.

Porsche imsa
Credit: Porsche Motorsport

Porsche è uno dei protagonisti indiscussi nel campionato IMSA. Uno dei marchi più prestigiosi che negli ultimi anni ha investito molto nel programma GTLM vincendo il titolo nel 2019 con Laurens Vanthoor ed Earl Bamber.

Quest’anno il duo Porsche avrà modo di difendere il titolo per l’ultima volta. La casa di Zuffenhausen ha infatti deciso di interrompere il suo coinvolgimento in IMSA al termine del 2020 a causa della crisi finanziaria provocata dal Covid-19. L’abbandono di Porsche lascia quindi, nella categoria GTLM, solo due costruttori: BMW e Corvette. Tuttavia non è ancora certo che i bavaresi decidano di continuare o meno il programma M8.

Queste le parole di Fritz Enzinger, capo di Porsche Motorsport:

“Non è stata una scelta facile per noi. Abbiamo discusso apertamente della nostra uscita con tutti i soggetti coinvolti. A questo punto, vorremmo esprimere i nostri sinceri ringraziamenti a Jim France e ai colleghi dell’IMSA per la loro comprensione. Porsche ha nel suo DNA le corse di durata. Lavoreremo sodo per garantire che questo sia solo un arrivederci temporaneo.”

I numeri infatti parlano chiaro. Porsche è entrata in IMSA nel 2014, ottenendo al debutto la vittoria nel 24 Ore di Daytona sino all’ultimo titolo di classe conquistato nel 2019, in una stagione dominata. Quest’anno il team è secondo in classifica e la rincorsa al titolo riprenderà, stando alle ultime decisioni, il prossimo mese a Daytona.

Alle parole di Erzinger hanno fatto eco quelle di Jon Bennett, proprietario di CORE Autosport:

“La collaborazione di CORE con Porsche è sempre stata un sogno per me. Amo il marchio Porsche e insieme abbiamo ottenuto grandi risultati. Ringrazio Porsche per questi sette anni incredibili e ringrazio i nostri dipendenti che sono i migliori del settore. Sono onorato che abbiamo condiviso questo viaggio insieme”.

Seguici anche su Instagram@F1inGenerale

F1 | Sainz: “In Ferrari non per fare il secondo pilota”