IndyCar | 500 miglia di Indianapolis 2020: Anteprima e Orari TV

Tutto è pronto per la 104esima edizione della 500 miglia di Indianapolis: l’Anteprima, le tradizioni e gli orari TV

500 miglia indianapolis orari

Anche quest’anno ritorna la 500 miglia di Indianapolis, nella sua 104esima edizione.

Certo, la situazione non è delle più semplici: la crisi del Coronavirus ha impedito l’accesso al pubblico, e malgrado la crescita costante dello sport negli ultimi anni, solo negli ultimi giorni l’Entry List è giunta ai 33 partecipanti tradizionali, quando gli scorsi anni si era arrivati a 36 concorrenti nelle qualifiche.

Tuttavia la volontà di risplendere in questo momento difficile scorre in tutti i team e nella nuova gestione a firma Roger Penske, che ha rilevato lo scorso autunno l’Indianapolis Motor Speedway dai George, tradizionali proprietari. Il mese di Maggio, pardon, Agosto, sarà ancora una volta un evento unico e imprescindibile del calendario, malgradotutto.

Storia e tradizioni

La 500 miglia di Indianapolis è indubbiamente la una delle corse più importanti e antiche del mondo. Si disputa infatti dal 1911 su un ovale di 2,5 miglia (4023 m), con quattro curve a 90° con una pendenza di circa 9°. Quando il circuito è stato inaugurato, la pista non era in asfalto ma era costituita da una miscela di pietrisco e catrame. Con l’aumento delle prestazioni delle vetture (e conseguentemente della velocità di percorrenza), la pista fu prima ricoperta da mattoncini e poi nel 1937 è stata asfaltata. Tuttavia solo la striscia del traguardo, la cosiddetta brickyard mantiene ancora oggi i mattoncini originali.

La Indy500 è una delle tre gare che costituisco la cosiddetta Triple Crown, un titolo non ufficiale che viene assegnato a colui che: vince il Gran Premio di Monaco (oppure il campionato di F1), la 500 miglia di Indianapolis e la 24 ore di Le Mans. L’unico pilota che finora ci è riuscito è Graham Hill. Fernando Alonso tenterà quest’anno di unirsi in questo ristrettissimo club, correndo la McLaren #66 Ruoff.

Una caratteristica di questa gara è che al vincitore viene fatto bere una bottiglia di latte. Il tutto è nato nel 1936 quando Louis Meyer, il primo a vincere per 3 volte ad Indianapolis, venne fotografato mentre beveva una bottiglia di latte. Ogni pilota può scegliere la tipologia di latte da ricevere sul podio: intero, parzialmente scremato, scremato.

Il volto del pilota vincitore, inoltre, viene scolpito sul Borg-Warner Trophy insieme alla velocità media in miglie orarie e alla data del successo. Dal 1988 il pilota ottiene una replica piccola del trofeo.

Le novità di quest’anno 500 miglia indianapolis orari

La principale novità di quest’anno è dovuta all’introduzione dell’AeroScreen: lo schermo protettivo progettato da Red Bull ha dato buona prova di sè in Iowa, e a Indianapolis si continuerà a migliorare l’aspetto del raffreddamento del pilota, grazie anche al test del campione NASCAR Jimmie Johnson di qualche giorno fa. Il condotto dell’aria che va nel casco sarà infatti ampliato.

L’AeroScreen ha portato anche a un incremento della potenza: la pressione del turbo sarà portata a 150 kPa per compensare il peso e il drag aggiunto. Questo potrebbe portare a delle qualifiche assai veloci, sul livello del 2017 con i vecchi aerokit, che avevano più deportanza.

Come seguire la gara 500 miglia indianapolis orari

In Italia la piattaforma DAZN seguirà le qualifiche e la gara. Il livetiming è come sempre fornito da racecontrol.indycar.com, e dall’App IndyCar.

Si inizierà mercoledì 12 agosto con le prime Prove libere, che proseguiranno poi giovedì 13 e venerdì 14, il cosidetto Fast Friday, dove si proverà con la potenza delle qualifiche.

Sabato 15 dopo l’ultima prova libera si inizierà con le qualifiche. Ogni concorrente avrà almeno un tentativo, che consiste di 4 giri cronometrati, con l’ordine delle auto deciso da un sorteggio.

Fernando Alonso tenterà per la terza volta l’assalto alla 500 miglia, ma non sarà facile contro Newgarden, Dixon, Rossi, Pagenaud, ….

Le prove del sabato decideranno i posti in griglia dal 10° al 33°. Domenica 16 invece si terrà il Fast Nine Shootout, che deciderà la pole position. Non si terrà quest’anno invece il Last Row Shootout (o Bump Day), che decideva l’ultima fila assieme alle vetture non qualificate, e vide lo scorso anno l’incredible eliminazione di Fernando Alonso a vantaggio della Juncos di Kaiser.

Le ultime prove libere saranno venerdì 21 agosto, il Carb Day. Infine, Domenica 23 agosto, alle 14.23 locali (20.23 italiane) sarà dato l’ordine di accendere i motori, e la bandiera verde sarà sette minuti dopo.

Orari TV (ora italiana)

  • Mercoledì 12 agosto
    • Prove libere 1: 17.00-23.30
      • Per i veterani: 17.00-19.00
      • Programma orientamento rookie: 19.00-21.00
  • Giovedì 13 agosto
    • Prove libere 2: 17.00-23.30
  • Venerdì 14 agosto (Fast Friday)
    • Prove libere 3: 17.00-23.30
  • Sabato 15 agosto
    • Prove libere 4: 14.30-15.30
    • Qualifiche: 17.00-22.50
  • Domenica 16 agosto
    • Prove libere 5: 17.00-17.30
    • Qualifiche Fast Nine Shootout: 19.15-20.15
    • Prove libere 6: 21.30-23.30
  • Venerdì 21 agosto (Carb Day)
    • Settima ed ultima prova libera: 17.00-19.00
  • Domenica 23 agosto: 104esima edizione della 500 Miglia di Indianapolis
    • Cerimonie pre gara: 19.00-20.15
    • Accensione motori: 20.23
    • Bandiera verde dalle 20.30

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

IndyCar | L’entry list della 500 miglia di Indianapolis: 33 auto al via!

 

 

Francesco Ghiloni

Studente universitario e grande appassionato di motorsport, specialmente di endurance.