IndyCar | Castroneves in Arrow McLaren SP per l’Harvest GP

Helio Castroneves prenderà il posto di Askew in Arrow McLaren SP, dichiarato unfit dopo la gara in Mid-Ohio. Per il brasiliano si tratta del secondo ritorno in IndyCar quest’anno, dopo la 500 miglia di Indianapolis.

 

Castroneves McLaren
Oliver Askew sulla Arrow McLaren SP #7. Credits: Arrow McLaren SP

 

Oliver Askew sarà costretto a saltare il doppio impegno dell’Harvest GP, che si terrà sul circuito di Indianapolis in configurazione road course. Il rookie americano è stato dichiarato non idoneo a correre dal personale medico dell’IndyCar. Al suo posto sulla vettura numero 7 Arrow McLaren SP ci sarà Helio Castroneves.

Dopo la gara di Mid-Ohio, Askew avrebbe sofferto di un problema nell’equilibrio e nella coordinazione. A seguito dei dovuti controlli medici, è stato dichiarato unfit ed è soggetto all’ IndyCar return to racing protocol, il regolamento che un pilota deve seguire prima di tornare a correre dopo essere stato dichiarato non idoneo.

È stato difficile da accettare, ma devo seguire le indicazioni del team medico dell’IndyCar e dei miei dottori” ha detto Askew. La mia priorità adesso è la mia salute. Anche se non potrò gareggiare, sarò comunque all’Indianapolis Motor Speedway per l’Harvest GP per cercare di aiutare il team in ogni modo possibile” ha aggiunto.

Il posto di Askew nel team Arrow McLaren SP sarà preso dal veterano Helio Castroneves. Il brasiliano, classe 1975, ha iniziato la sua carriera nel 1998, quando la categoria si chiamava ancora Champ Car. Ha vinto per ben tre volte la 500 miglia di Indianapolis, ottenendo come miglior risultato il 2° posto nella classifica finale.

Per prima cosa, voglio augurare ad Oliver una pronta guarigione ha detto Castroneves. “Mi farò trovare pronto quando sarà il momento di tornare in pista. Voglio aiutare la squadra a confermare i grandi progressi che hanno ottenuto durante la stagione.”

Sam Schmidt, co-proprietario del team Arrow McLaren SP ha concluso dichiarando: Il benessere di Oliver, del nostro personale e degli altri concorrenti è fondamentale. Supportiamo Oliver e la decisone dell’IndyCar. Concentrarsi sulla sua salute e sulla sua ripresa è al momento la cosa migliore da fare.”

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

IndyCar | Ufficiale il debutto di McLaughlin a St. Petersburg