IndyCar | Detroit GP 1 – Ericcson vince dopo la sfortuna di Power, paura per Rosenqvist!

Marcus Ericcson conquista la sua prima vittoria in IndyCar, dopo un lunghissimo Detroit GP interrotto da due bandiere rosse, paura per Rosenqvist dopo un brutto incidente

indycar gp detroit ericcson rosenqvist

La prima gara del GP di Detroit è stata scoinvolta due volte: la prima mentre Dixon era in netto vantaggio, grazie a una strategia a due soste che prometteva bene contro O’Ward e Rossi, interrotta dal terribile incidente di Felix Rosenqvist al giro 24.

Il pilota McLaren è andato dentro le barriere a causa di un accelleratore bloccato, e l’estrazione ha richiesto del tempo, con  Felix che è stato portato in ospedale per accertamenti ma è rimasto lucido e coscienteper tutto il tempo.

Dixon dopo la bandiera rossa ha dovuto rifornire, e la gara è passata nelle mani di Will Power, sulla stessa strategia ma fermatosi prima dell’incidente, assieme a Marcus Ericcson. Da lì in poi il duo è rimasto vicino, a un secondo, ma senza lotte vere proprie, anche se VeeKay e poi Sato si sono avvicinati.

La gara cambia di nuovo al giro 65, quando Grosjean, partito terzo ma andato un po’ in sofferenza per problemi alle sospensioni va a muro, e c’è una seconda bandiera rossa.

Will Power però non riesce a ripartire, e Ericcson porta a casa la sua prima vittoria in IndyCar, dopo che VeeKay non riesce a insidiarlo e deve difendersi invece da un rampante Pato O’Ward, partito dalla pole, vero vincitore in termini di classifica, dopo un deludente 14° posto per Palou, che mantiene la testa del campionato, con Dixon che chiude 8°.

indycar gp detroit ericcson


IndyCar | Detroit GP – Anteprima e Orari TV


Cronaca della gara indycar detroit ericcson rosenqvist

Pato O’Ward parte dalla pole position, seguono Alexander Rossi, Romain Grosjean e Ed Jones, in una sorprendente seconda fila per Dane Coyne.

[Risultati qualifiche]

La partenza è regolare, e vede una prolungata lotta per la 8ª posizione tra Hunter-Reay e Pagenaud, vinta dal pilota Penske. O’Ward mantiene il controllo della corsa, mentre Herta e Power passano Newgarden in 5ª posizione.

Giro 2/70: Rossi si mantiene incollato a O’Ward, intanto diversi piloti, tra cui VeeKay, McLaughlin e Hunter-Reay si fermano dopo solo 2 giri.

Anche O’Ward si ferma al terzo giro per montare le gomme dure, che sembrano le favorite dai team.

4/70 – Un giro dopo lo seguono Herta e Newgarden, con il pilota Penske che esce davanti, ma sbaglia e va a muro, perdendo posizioni, ed è costretto ai box dopo che una ruota si separa dalla sua Penske.

Rossi si ferma al giro 6, ma la sua sosta è molto lunga è non guadagna su O’Ward. Hunter-Reay va pure a muro e non riesce a ripartire di box.

Romain Grosjean a questo punto si ferma, ma rientra dietro a Rinus VeeKay.

8/70 – Ed Jones non riesce più a reggere la pressione di Power, che lo supera al giro 8, seguito da Sato e Scott Dixon, tutti piloti che dovranno rientrare.

12/70 – Alexander Rossi sfrutta il traffico per passare O’Ward! I due sono i leader della strategia a 3 soste. Nello stesso giro Scott Dixon passa Will Power per la testa della gara, mentre Rossi continua a tagliare il gruppo come un coltello, passando Palou e Chilton.

14/70 – Dixon, che è partito su gomme nere, è ora davanti di 4 secondi a Power, mentre o’Ward e Herta fanno più fatica di Rossi a disfarsi delle vetture più lente davanti.

21/70 – Tra i Piloti su due soste Power è  il primo a fermarsi. Rossi intanto ha iniziato a perdere terreno su Rahal, che non si è ancora fermato.

22/70 – Chilton è costretto a  una lunga sosta dopo una foratura, mentre inizano le soste dei piloti su 4 stint.

24/70 – Full Course Yellow! Brutto incidente per Felix Rosenqvist, che finisce quasi sotterrato nelle barriere, colpendo anche le recinzioni!

L’accelleratore apparentemente è rimasto bloccato, causando un impatto molto violento. Gli uomini del team AMR sono subito al lavoro per estricare il pilota svedese.

Grosso incidente per Felix Rosenqvist

28/70 – Continuano le operazioni di estricazione di Ericcson, che è ancora in macchina e cosciente, ma apparentemente sofferente. La gara viene fermata con la bandiera rossa.

Rosenqvist viene caricato in ambulanza su una barella, dopo un’attenta estrazione da parte dell’AMR IndyCar Safety Team, usando il protocollo per sospette lesioni alla schiena. Il pilota di McLaren è rimasto pienamente cosciente durante tutto l’incidente e l’estrazione.

Il medico pronuncia un certo ottimismo, mentre il pilota viene controllato al centro medico.

28/70 – Si riparte sotto la pace car. Diversi piloti, tra cui Scott Dixon, Jmes Hinchcliffe, Rahal, Ferrucci, Rossi, Herta e Bourdais si fermano per rifornirsi sotto la caution, con Palou che tocca Herta e le barriere all’uscita box.

Will Power è il nuovo leader della gara, davanti a Ericcson, Sato, Pagenuad, VeeKay, Jones, Harvey, Daly e McLaughlin. Dixon è 11°, O’Ward 13° dietro a Rahal, Rossi, Ferrucci e Herta. Si lamenta Herta di un possibile danno allo sterzo dopo l’incidente a tre con Ferrucci e Palou nella pit lane.

32/70 – Power riparte, non senza esitazioni, dietro Dixon con gomme nuove e morbide passa McLaughlin, Daly e Harvey,mentre O’Ward giunge dietro McLaughlin e Herta passa Rossi.

35/70 – Ericcson si fa vedere dietro a Power, O’Ward effettua altri sorpassi portandosi dietro a Dixon. Grosjean si ferma con una foratura mentre si difendeva da Dixon.

36/70 – VeeKay passa Sato e si porta dietro a Ericcson.

39/70 – Power alza il ritmo e segna il giro veloce, Pato O’Ward tenta di attaccare Dixon.

40/70 – O’Ward passa Dixon, in crisi con le gomme soft contro le sue Nere dure. Nel frattempo Herta è rimasto dietro Rahal, ed è stato ripassato da Rossi, ora dietro Dixon in 9ª piazza.

43/70 – Dixon finalmente rientra, ponendo fine a un lungo trenino, montando gomme dure per l’utlima sosta della gara.

Si fermano un giro dopo anche Herta, Harvey e Palou.

48/70 – Power e Ericcson si fermano, in risposta alla sosta di VeeKay. Rossi è davanti a Dixon, ma i due sono in lotta. Prosegue intanto O’Ward.

51/70 – O’Ward si ferma e rientra dietro a VeeKay. McLaughlin intanto tocca il muro mentre era 12°.

indycar detroit ericcson rosenqvist

54/70 – Con la sosta di Rahal, Power, Ericcson e VeeKay tornano davanti. Il gruppetto è racchiuso in meno di due secondi.

61/70 – Ericcson resta dietro a Power, VeeKay invece si stacca. Herta è calato in 17ª posizione dietro a Palou, ma lo sta recuperando.

63/70 – Sato ha ancora molto da dire, passa VeeKay con una certa facilità per il podio.

65/70 – Grosjean va a muro! Full Course Yellow, seguita da una bandiera rossa. Il pilota Dale Coyne era 18° dietro Herta, e soffriva di un problema alle sospensioni.

Colpo di scena! Power non riesce a riaccendere il motore, e malgrado tutti i tentativi di Penske la #12 rimane muta.  Il gruppo riparte senza Power, tradito dalla ECU, mentre Ericcson passa in testa.

68/70 – Ericcson parte bene, Sato è passato da VeeKay e O’Ward, dietro c’è una lotta caotica tra Rossi, Pagenaud, Ferrucci, Jones e Dixon. Power intanto rientra in pista.

70/70 – VeeKay e O’Ward non riescono a avvicinarsi a Ericcson, che conquista la sua prima vittoria in IndyCar!

Il pilota svedese è il 7° vincitore diverso in 7 gare, il 3°di Chip Ganassi, il 4° nuovo vincitore di questa stagione, dopo 3 stagioni IndyCar.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Francesco Ghiloni

Studente universitario di Chimica e grande appassionato di motorsport, specialmente di endurance.