IndyCar | HIGPA: La bandiera rossa cala sul circuito

Al giro 22 la bandiera rossa viene esposta per la seconda volta, stavolta a tempo indeterminato. Indycar GP Alabama

La gara è partita sul bagnato, con Josef Newgarden (#1 Hitachi Team Penske Chevrolet) che ha tenuto la testa della corsa, seguito da Will Power (#12 Verizon Team Penske Chevrolet) e, al terzo posto, Sebastien Bourdais (#18 SealMaster Dale Coyne Racing with Vasser-Sullivan Honda). Tutti i piloti sono stati molto distanti, per evitare di andare a contatto uno con l’altro, ed in alcuni casi hanno rischiato il contatto.

Giro 9: primo contatto con le barriere, Kimball a muro

Alla fine dell’ottavo giro, il pilota della #23 Tresiba Carlin Chevrolet, Charlie Kimball, in uscita dalla penultima curva perde aderenza al posteriore e va a sbattere contro le barriere, danneggiando l’ala anteriore. Poco dopo la vettura va in modalità anti stallo, e come tale si ferma in pista, provocando il primo FCY.

Giro 17: secondo contatto con le barriere, Power ritirato e red flag

Alla ripartenza dopo la prima FCY, Josef Newgarden rischia di perdere la vettura, ma riesce a controllarla. La stessa cosa non riesce a Will Power (#12 Verizon Team Penske Chevrolet), che perde l’aderenza e va a sbattere contro il muro, danneggiando la sospensione anteriore sinistra. Viene dichiarata di nuovo la FCY che percorre un giro, e poi al giro 19 viene dichiarata la bandiera rossa. Dopo un po’ i piloti tentano di ripartire, ma Tony Kanaan (#14 ABC Supply A.J. Foyt Enterprises Chevrolet) va in testacoda e perde la vettura, e la stessa cosa accade a Graham Rahal (#15 Mi-Jack Rahal Letterman Lanigan Racing Honda). Viene esposta di nuovo la bandiera rossa, stavolta per un periodo di tempo indeterminato.


IndyCar | HIGPA: La bandiera rossa cala sul circuito
Lascia un voto

Fabio Seghetta

***NON COLLABORA PIÙ CON F1inGenerale*** Studente di Informatica, 21enne, una grandissima passione per la Formula 1, la IndyCar e la Formula E. Ho anche fatto parte del team di Formula Student della mia Università, giusto per restare di più a contatto con la mia grande passione.